Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Assessment dell’internazionalizzazione delle MPMI

internazionalizzazione uni su magazine qualitàCome svolgere un audit/assessment per valutare la capacità delle micro piccole e medie imprese nell’affrontare i mercati esteri?

Un progetto di prassi di riferimento in consultazione fino al 29 aprile.

L’internazionalizzazione – ossia la capacità di proiettarsi verso i mercati esteri – è un fattore di enorme rilevanza per il tessuto economico e imprenditoriale del nostro Paese.

E non si tratta solo di una dichiarazione di principio bensì di un dato di fatto consolidato. Esiste infatti un ampio filone di letteratura economica che ha indagato la relazione tra internazionalizzazione e performance aziendali, giungendo alla conclusione che le imprese che si aprono all’estero ottengono risultati migliori di quelle che non lo fanno. Si è parlato in tal senso di “premio all’export“.

Molti elementi concorrono a spiegare questi dati.

In primo luogo le imprese esportatrici sarebbero strutturalmente più efficienti e più solide per fronteggiare gli elevati costi di accesso ai mercati internazionali. In secondo luogo è stato evidenziato quel processo che va sotto il nome di “learning by exporting“, relativo al contesto internazionale più competitivo, alle economie di scala conseguenti all’ampliamento della domanda e alla opportunità di venire a contatto con un più ampio ventaglio di realtà innovative anche sotto il profilo tecnologico-digitale.

Insomma: competere sui mercati internazionali favorisce la propensione delle imprese all’innovazione e la diffusione di competenze qualificate.

Sebbene questo “premio all’export” sia più ampio per le grandi imprese, tuttavia il vantaggio di produttività è consistente anche per le micro, piccole e medie imprese che, nell’impegno profuso nell’attività di internazionalizzazione, sono in grado di generare un guadagno di competitività.

Analizzare dunque il modo in cui le imprese approcciano il processo di internazionalizzazione è molto importante per tutto il sistema economico (anche a livello locale).

Per questo insieme alla Provincia autonoma di Trento, con cui è in atto una intensa collaborazione da diversi anni, è stato sviluppato un progetto di prassi di riferimento dal titolo “Assessment dell’internazionalizzazione delle MPMI” – giunto ora alla fase di consultazione pubblica – che ha l’obiettivo di fornire degli indirizzi organizzativi e operativi agli enti di supporto alle MPMI (micro, piccole e medie imprese) per verificare e validare attraverso un audit qualitativo e un assessment quantitativo il livello di preparazione e di organizzazione delle aziende per affrontare i mercati esteri.

In particolare il documento intende pertanto chiarire contenuti e modalità di svolgimento dell’audit/assessment, in modo da massimizzarne i risultati in termini di incremento delle quote export da parte delle MPMI.

Il progetto è in consultazione pubblica fino al 29 aprile prossimo.

Attendiamo i vostri commenti.

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo uni 2022 su magazine qualità

2024-03-26T15:27:09+01:00Marzo 26th, 2024|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima