Tre nuovi progetti in Inchiesta Pubblica Preliminare su carta, cartone e tecnologie informatiche

Sono tre i progetti di norma  sottoposti fino al 26 maggio prossimo alla fase di Inchiesta Pubblica Preliminare, periodo che serve a vagliare l’interesse del mercato prima che vengano avviati i relativi lavori di normazione.

Eccoli in breve

La commissione Carta propone due progetti:

Il primo, UNI1611026, specifica un metodo di prova per la determinazione della resistenza alla trazione a umido di carta o cartone dopo immersione in acqua per un tempo. Si tratta dell’adozione della norma ISO 3781:2011.

Il secondo, UNI1611025, specifica un metodo per la determinazione della resistenza alla compressione verticale a colonna (resistenza alla compressione di una carta disposta ad anello) di carta e cartone, in particolare di carte utilizzate nella fabbricazione di imballaggi in cartone ondulato. Anche in questo caso si tratta dell’adozione di una norma ISO (la ISO 12192:2011).

Il terzo progetto è proposto da UNINFO (Tecnologie Informatiche e loro applicazioni).

Si tratta del progetto UNI1611110, futuro rapporto tecnico che fornirà una panoramica utile alla gestione centralizzata dei consensi e della privacy in ambito sanitario. Lo scopo è di fornire informazioni a supporto delle organizzazioni sanitarie per favorire lo sviluppo di sistemi software, aderenti ai principali standard internazionali di informatica medica e pienamente conformi al GDPR (General Data Protection Regulation).

Ulteriori informazioni sui singoli progetti sono disponibili a questo link!

UNI su Magazine Qualità

Si ricorda che fino al 26 maggio potrete inviare i vostri commenti ai progetti tramite la banca dati online (dove potrete trovare le schede di presentazione dei singoli progetti) e segnalare eventualmente il vostro interesse a partecipare ai futuri lavori di normazione, ove questo sia possibile (vedi box sotto).

Il vostro parere è importante per noi!

FOCUS: cos’è l’inchiesta pubblica preliminare
L’esigenza di trasparenza del processo di normazione tecnica volontaria si evidenzia in un passaggio fondamentale: l’inchiesta pubblica preliminare. Infatti, solo vagliando preventivamente le concrete esigenze del mercato è possibile avviare in maniera utile ed efficace i lavori di normazione; perché lo sviluppo di una norma deve aver luogo solo di fronte a un reale beneficio e individuando tutti i soggetti significativi degli interessi in gioco, in modo che ci sia una “rappresentanza adeguata”. La banca dati dell’inchiesta pubblica preliminare dei progetti di norma UNI fornisce i riferimenti generali del progetto (titolo, scopo/sommario, giustificazioni, benefici attesi) così da informare tempestivamente il pubblico circa l’intenzione di avviare lavori di normazione in determinati settori o su specifici temi. La banca dati contiene anche i riferimenti dei progetti la cui inchiesta è già scaduta: questo per fornire agli utenti un’informazione più completa sulle attività di normazione che UNI ha proposto o avviato nel corso del tempo. Questo servizio di informazione offre inoltre la possibilità, per i progetti di norma nazionale, di inviare commenti e di dichiarare il proprio interesse alla partecipazione ai lavori di normazione, mentre per i progetti di adozione di norme ISO e di rapporti o specifiche tecniche CEN (CEN/TR, CEN/TS) offre la possibilità di segnalare se i documenti già emanati da CEN o ISO, di cui si propone l’adozione, possono rispondere, da un punto di vista tecnico, alle esigenze nazionali.

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo uni 2022 su magazine qualità

2022-05-13T13:16:45+01:00Maggio 12th, 2022|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima