Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Strade più sicure con la UNI EN 12767

Anche la sicurezza passiva in ambito stradale è da considerarsi fondamentale per tutelare gli individui. Se ne parla a proposito di strutture portanti di sostegno che abbiano a che fare proprio con l’ambito stradale.

In caso d’impatto, la severità degli incidenti per l’occupante di un veicolo è influenzata – in parte – dalla prestazione delle strutture di sostegno degli elementi di attrezzature stradali. In base alle considerazioni di sicurezza, le strutture di sostegno possono essere progettate per comportarsi in modi controllati al fine di ridurre il rischio complessivo.

La sicurezza passiva è destinata a ridurre la severità delle eventuali lesioni.

In tal senso è la commissione Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture che si è occupata del recente recepimento anche in lingua italiana della EN 12767.

Questo documento specifica le procedure di prova delle prestazioni per determinare le proprietà di sicurezza passiva di strutture di supporto quali pali per l’illuminazione, pali per segnaletica, supporti per segnali, elementi strutturali, fondazioni, prodotti smontabili e qualsiasi altro componente utilizzato per sostenere un particolare elemento dell’attrezzatura sul ciglio della strada.

Il documento è stato sviluppato al fine di mettere a disposizione:

  • metodi di prova per la determinazione della prestazione della sicurezza di impatto
  • metodi per gestire i dati risultanti dalle prove d’impatto
  • fondamenti tecnici sulla sicurezza passiva che possono essere utilizzati nella norma di prodotto

Fornisce, inoltre, una base comune per la prova d’urto dei veicoli su elementi delle strutture di supporto delle attrezzature stradali; non si applica ai sistemi di ritenuta stradale.

Al suo interno sono citati i seguenti riferimenti normativi:

  • EN 1317-1 Road restraint systems – Part 1: Terminology and general criteria for test methods
  • EN 13285  Unbound mixtures – Specifications
  • ISO 6487  Road vehicles – Measurement techniques 1n impact tests – lnstrumentation
  • ISO 10392 Road vehicles – Determination of centre of gravity

Informazioni per l’acquisto

UNI EN 12767:2019 “Sicurezza passiva di strutture di sostegno per attrezzature stradali – Requisiti e metodi di prova”.

Euro 75,00 + iva (in lingua inglese) – Euro 98,00 + iva (in lingua italiana)

Le norme, sia in formato elettronico che in formato cartaceo, saranno scontate del 15% ai soci effettivi. L’abbonamento annuale a tutte le norme è disponibile a partire da 200 euro: scopri come!

Divisione Vendite

Tel. 0270024200 (call center dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì) –Email: vendite@uni.com

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

UNI su Magazine Qualità

2020-09-09T06:37:39+01:00Settembre 9th, 2020|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima