Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Pubblicata la norma UNI EN ISO 4210 che tratta i requisiti di sicurezza per biciclette

Vediamo un focus sulle parti 2, 3 e 4 ora disponibili in lingua italiana

uni biciclette su magazine qualità

Per puro divertimento o come mezzo di spostamento anche per andare al lavoro la bicicletta è diventata indispensabile per molti individui. Ecco perché è fondamentale assicurare la sicurezza e la tutela degli utenti durante l’utilizzo. A questo proposito anche la normazione si è attivata.

È infatti, la commissione Impianti ed attrezzi sportivi e ricreativi che si è occupata di recente di tradurre anche in lingua italiana le parti 2, 3 e 4 della EN ISO 4210. Vediamo di cosa si tratta più in dettaglio.

La parte 2, specifica i requisiti di sicurezza e di prestazione per la progettazione, l’assemblaggio e la prova di biciclette e gruppi componenti e stabilisce le linee guida per le istruzioni del fabbricante sul montaggio e le prove di tali biciclette.

La norma si applica alle biciclette da ragazzo con altezza massima della sella maggiore o uguale a 635 mm e minore di 750 mm, alle biciclette da città e da trekking, alle mountain bike e biciclette da corsa con un’altezza massima della sella maggiore o uguale a 635 mm, includendo le biciclette pieghevoli.

Le prove descritte nel documento sono state progettate per garantire la resistenza e la durabilità delle singole parti nonché della bicicletta nella sua interezza, richiedendo sempre alta qualità e considerazione degli aspetti di sicurezza dalla fase di progettazione in avanti.

Le limitazioni d’uso della norma riguardano soltanto dei tipi speciali di biciclette, come ad esempio, quelle per le consegne, biciclette a sdraio, tandem, biciclette BMX e biciclette progettate ed attrezzate per l’utilizzo in applicazioni difficili quali le competizioni ufficiali, le acrobazie o le manovre acrobatiche aeree.

Alcuni dei requisiti citati da questa parte della norma riguardano la tossicità – ogni elemento che entri in stretto contatto con il ciclista deve essere conforme ai regolamenti nazionali specifici dei prodotti per bambini – e i bordi affilati – quelli esposti che potrebbero entrare in contatto con le mani, le gambe, ecc. del ciclista durante il normale utilizzo, manipolazione e/o manutenzione non devono essere affilati, sbavati, rotti, laminati o trattati con tecniche paragonabili.

La parte 3 della norma specifica i metodi di prova comuni per la UNI EN ISO 4210-2 quali ad esempio le prove di frenata e di resistenza, quelle riferite al parafango anteriore, i metodi di prova su strada di una bicicletta completamente assemblata, la durabilità della marcatura, prove di fatica, d’urto e della temperatura ambientale del materiale plastico. È essenziale che il mezzo assemblato dimostri la sua integrità strutturale.

L’ultima parte, la 4, specifica i metodi di prova di frenatura per la UNI EN ISO 4210-2. Una parte dedicata interamente al sistema di frenata fondamentale per garantire l’incolumità dei ciclisti. Più nello specifico vengono testate le dimensioni di presa della leva del freno, la posizione della forza applicata (alla leva del freno), i gruppi dei ceppi e delle pastiglie dei freni, il sistema frenante manuale e a contropedale

Prossimamente saranno disponibili a catalogo, in lingua italiana, anche le restanti parti della serie UNI EN ISO 4210.

Informazioni per l’acquisto

  • UNI EN ISO 4210-2:2023 “Cicli – Requisiti di sicurezza per biciclette – Parte 2: Requisiti per biciclette da città e da trekking, biciclette da ragazzo, mountain bike e biciclette da corsa”
    • Formato cartaceo: Euro 90,00 + iva (in lingua italiana) – Euro 85,00 + iva (in lingua inglese)
    • Formato PDF: Euro 85,00 + iva (in lingua italiana) – Euro 65,00 + iva (in lingua inglese)
  • UNI EN ISO 4210-3:2023 “Cicli – Requisiti di sicurezza per biciclette – Parte 3: Metodi di prova comuni”
    • Formato cartaceo: Euro 65,00 + iva (in lingua italiana) – Euro 60,00 + iva (in lingua inglese)
    • Formato PDF: Euro 60,00 + iva (in lingua italiana) – Euro 40,00 + iva (in lingua inglese)
  • UNI EN ISO 4210-4:2023 “Cicli – Requisiti di sicurezza per biciclette – Parte 4: Metodi di prova di frenatura”
    • Formato cartaceo: Euro 90,00 + iva (in lingua italiana) – Euro 85,00 + iva (in lingua inglese)
    • Formato PDF: Euro 85,00 + iva (in lingua italiana) – Euro 65,00 + iva (in lingua inglese)

Le norme, sia in formato elettronico che in formato cartaceo, saranno scontate del 15% ai soci effettivi.

L’abbonamento annuale a tutte le norme è disponibile a partire da 200 euro: scopri come!

Clienti e Soci

Tel. 0270024200 (call center dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì) – Email: vendite@uni.com

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo uni 2022 su magazine qualità

2024-06-19T09:20:50+01:00Giugno 19th, 2024|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima