Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Prove di reazione al fuoco:  pubblicata la UNI EN ISO 11925 parte 2

un antincendio su magazine qualitàUno dei metodi migliori per prevenire gli incendi è verificare la reazione al fuoco dei diversi materiali che potrebbero in qualche modo essere interessati dal fuoco.

Il cosiddetto “comportamento all’incendio” infatti è fondamentale per comprendere preventivamente ad esempio – grazie a delle prove di laboratorio – in quanto tempo un determinato materiale si deteriora al punto da mettere in pericolo la salute degli individui.

La normazione dedica a questo tema di indiscussa importanza ampia documentazione. È infatti stata di recente recepita anche in lingua italiana dalla commissione Comportamento all’incendio la EN ISO 11925 parte 2.

Questo documento descrive un metodo per determinare l’accendibilità dei prodotti con l’impiego di una singola fiamma utilizzando dei provini sottoposti alla prova in posizione verticale, in assenza di flusso radiante.

Sebbene il metodo sia progettato per valutare l’accendibilità, le misurazioni sono effettuate in merito alla diffusione di una fiamma di bassa entità sulla superficie verticale di un provino, a seguito dell’applicazione di una fiamma di bassa entità (di dimensione corrispondente) sulla superficie o sul bordo di un provino per 15 s o 30 s. La determinazione della produzione di gocce/particelle infuocate dipende dal fatto che la carta da filtro posta sotto il provino si accenda o meno.

Le informazioni sulla precisione del metodo di prova sono riportate nell’appendice A (informativa). Le informazioni sulle prove dei prodotti d’uso finale non essenzialmente piani sono riportate nell’appendice B (normativa). Per concludere, le informazioni sulle prove dei prodotti d’uso finale perforati sono riportate nell’appendice C (normativa).

All’interno della UNI EN ISO 11925 parte 2 sono riportati i seguenti riferimenti normativi:

  • EN 13238 Reaction to fire tests for building products – Conditioning procedures and general rules for selection of substrates
  • ISO 13943 Fire safety – Vocabulary
  • ISO 14697 Reaction-to-fire tests – Guidance on the choice of substrates for building and transport products

Informazioni per l’acquisto

UNI EN ISO 11925-2:2020 “”Prove di reazione al fuoco – Accendibilità dei prodotti sottoposti all’attacco diretto della fiamma – Parte 2: Prova con l’impiego di una singola fiamma

Euro 55,00 + iva (in lingua inglese) – Euro 72,00 + iva (in lingua italiana)

Le norme, sia in formato elettronico che in formato cartaceo, saranno scontate del 15% ai soci

L’abbonamento annuale a tutte le norme è disponibile a partire da 200 euro: scopri come!

Clienti e Soci

Tel. 02 700 24 200 (call center dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì) – Email: vendite@uni.com

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

2021-04-26T11:51:48+01:00Aprile 26th, 2021|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima