Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Progettazione parchi e aree ricreative: pubblicata la UNI 11123

uni parchi giorchi su magazine qualitàAll’aperto divertendosi in libertà in aree gioco sicure ideate secondo standard nati per questo.

Ecco come la normazione può influire positivamente sul benessere degli individui. In particolare è la commissione Impianti e attrezzi sportivi e ricreativi che si è occupata di realizzare la UNI 11123.

Questo documento fornisce i criteri per la progettazione dei parchi e delle aree ricreative per bambini, giovani e adulti di nuova costruzione o destinati a modifiche e/o miglioramenti. Oltre alle aree ricreative, la norma si applica a quelle zone riconosciute e destinate alla funzione del gioco, come le aree verdi in zone abitative e le aree libere scolastiche. Sono esclusi tutti gli elementi naturali e tutte le aree naturalistiche.

L’obiettivo è quello di aumentare la sicurezza di tali spazi in termini di attrezzature installate e incentivare la costruzione di aree di dimensioni adeguate e facilmente accessibili.

Riguardo alle caratteristiche di progettazione, tutte le aree ricreative dovrebbero essere collocate in un sistema di percorsi pedonali, percorsi ciclabili e aree verdi per evitare il rischio di incidenti da traffico veicolare per gli utilizzatori. Strade e vie di accesso in prossimità delle aree ricreative dovrebbero essere a traffico limitato o arredate con dispositivi per la riduzione della velocità (semafori intelligenti, dossi, strettoie, ecc.). Le aree ricreative, idonee per bambini in età prescolare, dovrebbero essere collocate in prossimità delle abitazioni, possibilmente con contatto audio-visivo da parte dei genitori, raggiungibili nel raggio di circa 300 m su percorsi pedonali. Tutti i lati dell’area ricreativa devono essere delimitati con idonei dispositivi/barriere di cui al CEN/TR 16879, atti ad evitare l’immissione diretta su aree pubbliche come strade, piste ciclabili, parcheggi o zone di transito pericolose.

Parlando di accessibilità, i bambini dovrebbero poter accedere in modo sicuro alle aree ricreative anche non accompagnati. Gli ingressi alle aree ricreative devono essere collocati lontano da strade trafficate, avere una zona di sicurezza antistante e devono essere protetti in modo tale da richiamare l’attenzione dei bambini al momento dell’uscita. Gli ingressi non devono presentare barriere architettoniche come prescritto dalla UNI EN 17210 e dalla UNI EN 17161. Sono da prevedere accessi transitabili da mezzi di manutenzione e di soccorso.

Informazioni per l’acquisto

UNI 11123:2022 Criteri per la progettazione dei parchi e delle aree ricreative all’aperto

Euro 60,00 + iva (in lingua italiana)

Le norme, sia in formato elettronico che in formato cartaceo, saranno scontate del 15% ai soci effettivi.

L’abbonamento annuale a tutte le norme è disponibile a partire da 200 euro: scopri come!

Clienti e Soci

Tel. 0270024200 (call center dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì) –  Email: vendite@uni.com

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo uni 2022 su magazine qualità

2022-08-29T08:52:05+01:00Agosto 29th, 2022|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima