Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

La vigilanza sul mercato? Uno strumento strategico per le imprese di qualità

È questo il principale messaggio emerso dalla giornata di lavoro svolta il 21 giugno, presso la Camera di commercio Milano Monza Brianza Lodi, che ha visto incontrarsi attorno a un tavolo i principali attori della filiera: produttori, normatori, autorità preposte alla vigilanza e controlli, laboratorio di prova.

imq vigilanza su magazine qualità

”Scopo di questa iniziativa – e di tutta l’attività di formazione  e divulgazione che come Camera di commercio promuoviamo nell’ambito della tutela  – è quello di sensibilizzare e affiancare le aziende sui temi della sicurezza e della vigilanza, nella convinzione che l’adozione consapevole  e responsabile della normativa dei controlli si possa tradurre in un asset di sviluppo per le imprese stesse, per diventare protagoniste nel processo di costruzione di un mercato sempre più sicuro, corretto, tutelato e garantito a favore di tutti” ha dichiarato la Dott.ssa Monica Mauri – Dirigente Area Tutela del Mercato Camera di commercio Milano Monza Brianza Lodi.

Un’affermazione che ha trovato il pieno appoggio anche da parte dei produttori, rappresentati da Federazione ANIE con la testimonianza dell’ing. Filomena D’Arcangelo: “Il quadro regolatorio europeo è in profonda mutazione e sempre più alta è l’attenzione alle caratteristiche dei prodotti in termini di sicurezza, prestazioni, sostenibilità. La strada della conformità è oggi più che mai per i produttori un importante investimento. Le attività di vigilanza del mercato sono quindi fondamentali per tutelare questi investimenti e salvaguardare la competitività delle imprese che operano nel rispetto delle regole rispetto  a competitor che invece le aggirano, spesso sfruttando le difficoltà di controllo sui canali di vendita digitali”.

Ricchi di spunti di riflessione gli interventi degli altri relatori che si sono avvicendati durante la mattinata. Introdotti dall’avvocato Stefano Micheli, segretario dell’Associazione IMQ, che ha confermato il costante impegno di IMQ quale partner tecnico delle Autorità di controllo del mercato, a favore e supporto di un mercato sicuro, di qualità e lealmente competitivo, in ragione anche della propria particolare governance. Guidati dalla sapiente moderazione di Roberto Cavenaghi di IMQ, che ha ricordato la finalità ultima dei Regolamenti europei, in termini di armonizzazione della sicurezza dei prodotti, ma anche di incentivo all’innovazione.

Gli avvocati Maria Sole Lora e Claudio Gabriele (Studio Associato Oddo Lora Gabriele) hanno esaminato le disposizioni della legislazione europea che prevedono gli obblighi a cui sono sottoposti gli operatori economici nelle fasi di presentazione in dogana, immissione sul mercato e distribuzione dei prodotti.  Nel corso della trattazione hanno sottolineato evidenziato i contrasti interpretativi e dubbi sussistenti in merito la complessità da parte del mercato della al corretta interpretazione del concetto di immissione sul mercato,  laddove a (soprattutto applicato all’importazione quando la ed alla vendita presentazione avviene anche online dei prodotti).  È stato infine esaminato e in considerazione delil nuovo ruolo dei fornitori di servizi di logistica che, in alcuni casi, possono essere considerati i fabbricanti, dunque responsabili della conformità del prodotto destinatari di obblighi informativi e documentali nei confronti delle Autorità di vigilanza del mercato e delle frontiere (Reg 2019/1020; D. Lgs 157/2022; aggiornamento Guida Blu).

La dott.ssa Elena Gabriè e il dr. Matteo Presta (AT Invitalia per Ministero delle Imprese e del Made in Italy) hanno presentato la struttura della Divisione VI della Direzione generale per il mercato, la concorrenza, la tutela del consumatore e la normativa tecnica, confermando l’impegno del Ministero nel suo ruolo di Ufficio Unico di Collegamento, secondo quanto disposto dal Reg. (UE) 2019/1020. Un punto nodale responsabile di: rappresentare la posizione coordinata delle autorità di vigilanza del mercato e delle autorità incaricate del controllo dei prodotti che entrano nel mercato dell’Unione europea; comunicare le strategie nazionali di vigilanza del mercato; fornire sostegno alla cooperazione tra le autorità di vigilanza del mercato di diversi Stati membri.

L’intervento dell’ing. Stefano Ferrari di IMQ si è invece focalizzato sull’analisi del rischio e sulla crescente importanza assunta dalla corretta predisposizione del Fascicolo Tecnico: una sorta di “passaporto” indispensabile ai prodotti per essere commercializzati e primo documento di verifica da parte delle Autorità di controllo. Di grande utilità anche la segnalazione dei principali errori commessi dai fabbricanti nella compilazione del Fascicolo.

Il tema delle norme come presunzione di conformità così come previsto dalla Legge, è stato affrontato dalla dott.ssa Daniela Zambelli del CEI che ha evidenziato le criticità  che, le recenti modifiche nelle procedure europee, stanno comportando nelle tempistiche di pubblicazione degli aggiornamenti normativi; con conseguente sovrapposizioni dei tempi di validità delle diverse edizioni, nonché complessità interpretative da parte di tutti gli attori del mercato laddove il processo di conformità dei prodotti deriva anche dalla disponibilità delle norme armonizzate.

Numerose le domande poste sia dai partecipanti in presenza e sia dagli utenti collegati online, rappresentati da produttori, distributori, operatori di Polizia addetta ai controlli, consulenti. Con richieste di chiarimenti sulle procedure di controllo, sulle garanzie aggiuntive offerte dai rapporti di prova elaborati da laboratori di prova accreditati, sulle modalità di conduzione delle prove, sulle piattaforme digitali europee disponibili per la segnalazione di prodotto non conformi. 

In conclusione, una mattinata di lavoro intensa e proficua che ha confermato la necessità, per tutti gli operatori, di momenti di formazione, informazione e confronto, nonché l’importanza della sinergia e della collaborazione tra i diversi attori del mercato.

Finalità confermate anche dalla possibilità data a tutti i partecipanti della giornata di lavoro, di poter fissare degli incontri online con gli esperti CEI e IMQ, per approfondire tematiche tecniche.

Comunicazione a cura di IMQ

IMQ su Magazine Qualità

2023-07-07T08:18:59+01:00Luglio 7th, 2023|Eventi|
Torna in cima