Dichiarazione del presidente UNI, Giuseppe Rossi, per la giornata mondiale della normazione 

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda ONU 2030 (in inglese siglati SDG) sono il riferimento per costruire (o meglio, ricostruire, se consideriamo i disastri sociali ed economici generati dalle più recenti crisi finanziaria e sanitaria) una società migliore.

uni su magazine qualità giornata mondiale qualità

Sono 17 obiettivi ambiziosi che hanno bisogno di aiuto per essere raggiunti: le norme tecniche volontarie fanno parte della cassetta degli attrezzi che le istituzioni, le imprese e i cittadini hanno a disposizione per affrontare preparati la più grande sfida della società.

E’ quindi una logica conseguenza che – in occasione della 24a Giornata Mondiale della Normazione – le organizzazioni internazionali ISOIECITU dichiarino prioritario l’impegno pluriennale di orientare le proprie attività al perseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile ONU 2030. Così come la sottoscrizione degli impegni della London Declaration, di coinvolgere nei lavori di normazione i soggetti più esposti alle conseguenze del cambiamento climatico, di inserire le valutazioni di tipo climatico in tutte le nuove norme tecniche e successivamente di aggiornare quelle esistenti, infine di rendicontare le azioni svolte e i risultati raggiunti.

UNI – in quanto rappresentante italiano in ISO – condivide tutti questi impegni internazionali, che sono del tutto coerenti con il proprio obiettivo di lungo periodo di contribuire a creare “un mondo fatto bene”. Lo fa svolgendo la propria attività (riconosciuta dal Regolamento UE 1025/2012 e dal Decreto Legislativo 223/2017) di studio, definizione, approvazione e pubblicazione di documenti tecnici di applicazione volontaria (le norme UNI e le prassi di riferimento) sviluppati attraverso un processo deliberativo democratico, trasparente e consensuale che coinvolge tutti gli stakeholder in ogni settore di competenza.

I nostri stakeholder ci chiedono di andare oltre l’ambito tipico di attività dei nostri primi 100 anni di vita: di passare dall’aiuto a fare prodotti sicuri, di qualità e durevoli al supporto per la interiorizzazione dei valori della sostenibilità, dell’integrità e dell’etica nell’attività d’impresa e professionale. Ci stiamo impegnando, mettendo come punto di riferimento il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030.

Di seguito evidenzio alcune delle più recenti attività UNI che hanno un impatto di carattere ambientale, sociale ed economico che può favorire lo sviluppo della sostenibilità e il loro raggiungimento.

SDG 3 – Salute e benessere

  • UNI EN 17398 Coinvolgimento del paziente nelle cure della salute – Requisiti minimi per cure centrate sulla persona
  • UNI/TR 11802 Informatica Medica – Estensione della norma UNI EN ISO 13940 (Sistema di concetti a supporto della continuità di cura) ai concetti dell’assistenza sociale
  • UNI EN 17161 Progettazione per tutti – Requisiti di accessibilità per prodotti, beni e servizi progettati secondo l’approccio “Design for all”UNI/PdR 95 Linee guida relative alle misure per il contenimento del rischio di contagio da COVID-19 del comparto turistico (Serie composta da 6 documenti)

SDG 5 – Parità di genere

  • UNI ISO 30415 Gestione delle risorse umane – Diversità e inclusione

(Scopri di più…)

Tra le attività in corso ho il piacere di evidenziare le iniziative a livello europeo del:

  • gruppo di lavoro CEN/TC 454/WG5 “Specifications for non-food/feed sector applications” sulle alghe e prodotti derivati, per studiare in particolare i possibili usi cosmetici e farmaceutici (SDG 3 – Salute e benessere)
  • comitato tecnico CEN/TC 467 “Climate Change” per sviluppare linee guida, requisiti e modelli di riferimento a supporto delle politiche europee sul cambiamento climatico e del Green Deal. Attualmente è allo studio un progetto italiano sulla quantificazione della riduzione dei gas serra derivante dalla gestione delle terre coltivate (SDG 13 – Lotta contro il cambiamento climatico)

A livello italiano cito a titolo di esempio l’elaborazione in corso di questi documenti:

SDG 3 – Salute e benessere

  • Guida alla progettazione, sviluppo e controllo del processo di ricondizionamento dei dispositivi medici riutilizzabili (DMR) destinati ad essere utilizzati sterili
  • Ergonomo – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza

SDG 5 – Parità di genere

  • Linee guida sul processo di adozione di specifici KPI inerenti le politiche di parità di genere nelle organizzazioni

(Scopri di più…)

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

2021-10-19T08:40:24+01:00Ottobre 14th, 2021|Certificazioni, UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima