Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

laCividina ha inaugurato una nuova sede: un ambiente di lavoro più tecnologico, più stimolante e più sostenibile

L’azienda, fondata nel 1976 a Martignacco in provincia di Udine da Carlo Bulfoni e oggi guidata dalle sapienti mani del figlio Fulvio assieme alla moglie Paola, ha inaugurato una nuova sede, un ambiente di lavoro più tecnologico, più stimolante e più sostenibile che comunica concretamente la filosofia, l’identità ma soprattutto il suo impegno verso il benessere delle persone e dell’ambiente.

laCividina su Magazine Qualità

Fulvio Bulfoni, Presidente de laCividina afferma: «Siamo molto orgogliosi di questo importante traguardo! Negli ultimi anni l’azienda è cresciuta molto, c’era quindi la volontà di diventare una realtà ancora più strutturata e organizzata. Abbiamo deciso di restare fedeli al territorio dove siamo nati, anche perché la maggior parte dei nostri collaboratori vivono nei dintorni… una scelta quindi un po’ sentimentale, lo so, ma anche di rispetto verso chi lavora insieme a noi. La centralità della persona è un valore fondamentale in tutto quello che facciamo! Avere a disposizione una nuova “casa”, ci offre l’opportunità di attuare un profondo rinnovamento organizzativo, ma anche di valorizzare ulteriormente le persone, creando un ambiente nel quale lavorare bene, dare il meglio di noi e contribuire, nel nostro piccolo, a un mondo più bello e sostenibile».

laCividina inizia il suo percorso come impresa artigiana specializzata nel settore della tappezzeria; passo dopo passo, si è trasformata da un piccolo laboratorio a un’azienda all’avanguardia, più strutturata e organizzata, producendo divani e poltrone dal design contemporaneo con ingegno e originalità, conservando al contempo nelle sue lavorazioni l’inestimabile valore della cultura manifatturiera italiana.

Qualità, cura nei dettagli, perfezione nelle forme: le proposte de laCividina sono un concentrato di queste caratteristiche alle quali si aggiunge, sin dalla sua fondazione, l’utilizzo di materiali sostenibili come il legno per le scocche, le imbottiture e tessuti per i rivestimenti.

Oggi l’azienda esprime l’autentico Made in Italy grazie a una cultura manageriale evoluta e a un’efficace organizzazione della produzione e attraverso la progettazione e realizzazione di collezioni di divani e poltrone di design per il settore contract e residenziale.

La nuova sede sorge su un’area di circa 19.000 mq nella verde campagna friulana, in diretta relazione con lo scenario delle colline e delle montagne circostanti. Un paesaggio naturale e umano, che le ha dato i natali, e al quale ha deciso di restare fedele, anche quando è maturata la decisione di trasferirsi dal laboratorio in cui tutto iniziò, per realizzare uno spazio completamente nuovo.

Il progetto architettonico è stato affidato allo Studio Luca Botto_Architettura/Design, che collaborando dal 2009 con laCividina curandone la direzione artistica e coordinandone lo sviluppo dei progetti di design, ha potuto interpretare in profondità le esigenze dell’azienda, alla luce del suo vissuto e dei suoi traguardi. L’obiettivo del progetto è stato quello di creare un ambiente in cui le persone lavorassero meglio, partendo da un’analisi dei flussi e delle tempistiche delle attività che si svolgevano nella sede precedente.

Le ampie vetrate permettono, anche a chi lavora nei reparti produttivi, di spaziare con lo sguardo sull’ambiente circostante e sulle montagne friulane, creando una sensazione ineguagliabile di benessere. Questa soluzione consente inoltre di massimizzare l’illuminazione naturale, rappresentando un ulteriore fattore di ergonomia ed efficienza energetica.

L’edificio raggruppa in un unico corpo tutte le attività aziendali: dagli uffici amministrativi e commerciali, alla logistica, ai reparti produttivi.  Sono state calcolate le superfici necessarie agli uffici (600 mq), agli spazi dedicati alla produzione (2000 mq) e al magazzino dei semilavorati in arrivo e dei prodotti in partenza (800 mq), identificando i percorsi dei materiali e degli operatori.

Lavorazione dei fusti, messa in bianco, taglio tessuti e pelle, tappezzeria: la realizzazione dei divani e delle poltrone laCividina richiedono ore di lavorazioni manuali, all’interno di un’attenta programmazione, per soddisfare le esigenze dei clienti con puntualità e versatilità. Tutti i prodotti vengono confezionati con estrema attenzione ai dettagli, per ottenere un perfetto risultato estetico, un’alta resistenza e durabilità nel tempo.

Fulvio Bulfoni, continua: «Le fasi di lavorazione manuale, come la cinghiatura e il taglio delle pelli e dei tessuti, resteranno sempre fondamentali nel nostro processo produttivo, ma laCividina nel tempo è cresciuta e si è evoluta, nelle dimensioni come nelle attività. Ecco perchè oggi stiamo completando la digitalizzazione dell’intera organizzazione aziendale: dall’amministrazione, alla logistica, alla pianificazione giornaliera della produzione, ai processi che si svolgono nei vari reparti, alla gestione del magazzino, all’automatizzazione degli imballaggi che ci consente di risparmiare spazio e di essere ancora più sostenibili… abbiamo tantissime cose da fare e da imparare!».

Il processo produttivo avviene complementarmente all’interno dell’azienda; i fornitori di cui si avvale risiedono tutti nel raggio di 50 km, una distanza che racchiude un distretto produttivo che nell’imbottito ha una delle sue eccellenze.

L’adozione di una tecnologia di confezionamento su misura dei prodotti finiti, ha permesso una gestione migliore dello spazio in magazzino, ottenendo inoltre dei risultati significativi in termini di sostenibilità del packaging e dei trasporti: infatti, questo nuovo macchinario, che taglia tutte le tipologie di cartoni al millimetro fa sì che il confezionamento di ciascun prodotto sia ottimizzato e non ci siano scarti nell’imballaggio della merce. Un altro intervento importante in questo senso, è stato l’inserimento di un magazzino verticale per la gestione digitalizzata di tutti i componenti metallici e plastici.

Ulteriore obiettivo del progetto era garantire il migliore livello di benessere delle persone, in tutte le aree interne e in ogni stagione: per questo si è perciò scelto di realizzare un impianto a pavimento radiante per il riscaldamento e il raffrescamento, con un sistema di controllo centralizzato, per ottenere un comfort termico ideale, anche in relazione alle attività che si svolgono nei vari reparti, insieme a un sistema altrettanto avanzato di deumidificazione e purificazione dell’aria.

Per le superfici esterne è stato scelto il colore nero, che oltre a essere in sintonia con l’immagine coordinata del brand laCividina, evidenzia l’essenzialità dell’edificio, creando al contempo un involucro scuro in contrasto con gli spazi interni bianchi e luminosi. Una semplicità che è solo apparente, in quanto nasce da una compenetrazione dinamica di volumi e sensazioni, con superfici scanalate o lisce, aggetti e vetrate rientranti che creano spazi auto-ombreggiati e giochi di “pieni e vuoti”, che conferiscono movimento e dinamicità a tutta l’architettura. Il sole e l’ombra contribuiscono a creare un effetto architettonico che unisce l’armonia con la Natura, con il fascino di una modernità senza tempo.

laCividina continua a evolversi e a puntare su un’offerta ancora più eclettica ed accattivante, sviluppando una gamma di prodotti raffinata in grado di fornire soluzioni eleganti per gli arredi più diversi, grazie al fortissimo know-how sviluppato negli anni e alla collaborazione con importanti designer del panorama internazionale sapientemente scelti con l’Art Director, Luca Botto.

L’importante percorso di crescita in atto è testimoniato anche dalla recente apertura di una showroom in centro Milano in una delle vie più strategiche per il design. Situata nello storico Palazzo Borromeo di Via Manzoni 41 negli oltre 250 metri quadri, allestiti a cura dell’architetto Luca Botto e di Studio Salaris, l’azienda friulana espone le sue collezioni più recenti ma anche quelle più iconiche che l’hanno resa nota a livello internazionale, trasformando i suoi nuovi spazi espositivi in un’inedita esperienza di conoscenza, manifattura e vera sostenibilità.

laCividina – La cultura manufatturiera italiana fa scuola

Fondata nel 1976 da Carlo Bulfoni, oggi guidata dal figlio Fulvio e dalla moglie Paola, laCividina produce divani e poltrone dal design contemporaneo con ingegno e originalità, conservando nelle sue lavorazioni l’inestimabile valore della cultura manufatturiera italiana. Questa cura del dettaglio, che esprime l’autentico Made in Italy, si unisce alla capacità di competere a livello internazionale, grazie a una cultura manageriale evoluta e a un’efficace organizzazione della produzione. L’azienda friulana continua a evolversi, puntando su un’offerta ancora più eclettica e accattivante e collaborando con figure di spicco del mondo del design, come Antonio Rodriguez e Antonino Sciortino, Pierre Paulin, Constance Guisset, Form Us With Love e Sebastian Herkner. Ogni collezione nasce dal dialogo con designer di tutto il mondo: è così che laCividina è diventata partner di importanti progetti di interior design in ambienti pubblici (hotel, musei, navi da crociera…) e privati. Oggi, lo stabilimento innovativo e altamente tecnologico de laCividina si estende su una superficie di circa 19.000 metri quadrati, dove tutte le persone che vi lavorano sono altamente qualificate e realizzano prodotti su misura. L’importante percorso di crescita in atto è testimoniato anche dalla recente apertura di una showroom a Milano, oltre 250 metri quadri, allestiti a cura dell’architetto Luca Botto (Art Director del brand): qui l’azienda espone le sue collezioni più recenti ma anche quelle più iconiche che l’hanno resa nota a livello internazionale, trasformando i suoi nuovi spazi espositivi in un’inedita esperienza di conoscenza, manifattura e vera sostenibilità.
2023-11-01T10:04:10+01:00Novembre 1st, 2023|News|
Torna in cima