(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.data-privacy-src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-58090058-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');

Caltaqua, certificazione ambientale Iso 14001 per i depuratori di Caltanissetta e Serradifalco

Un importante riconoscimento per il costante sforzo profuso dalla società Caltaqua sia in termini finanziari, garantendo le risorse economiche necessarie con investimenti privati, sia in termini di professionalità e specializzazioni assicurati dall’impegno quotidiano del proprio personale tecnico-operativo.

L’elevato grado di competenza e know how che caratterizzano l’attività svolta da Caltaqua è stato comprovato anche da AENOR che, pure in questo caso sulla scorta di quanto emerso da verifiche puntuali e minuziose svolte presso i siti di Caltaqua, ha consentito di estendere agli impianti di depurazione di Caltanissetta/San Cataldo di contrada Cammarella e di Serradifalco la certificazione Ambientale UNI EN ISO 14001:2015. Questo importante risultato si aggiunge infatti a quelli già acquisiti negli gli ultimi anni dal Gestore per i depuratori di Gela Macchitella, Riesi, Mazzarino e Santa Caterina.

Tutto ciò anche a seguito del positivo esito delle attività di campionamento e controllo svolte dall’ARPA, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente, che ha confermato il corretto operato del Gestore nel trattamento delle acque reflue che garantisce lo scrupoloso rispetto dei limiti quali-quantitativi fissati nei provvedimenti di autorizzazione allo scarico rilasciati dall’Autorità competente per gli impianti di depurazione in questione.

Si tratta di un risultato ancor di più rilevante se si pensa che gli impianti di depurazione in questione sono stati concepiti e realizzati quasi quarant’anni fa e, dunque, con tecniche, mezzi e conoscenze che oggi appaiono datati. Un lasso di tempo nel quale, per altro, l’evoluzione normativa di settore è stata incessante e con l’apposizione di vincoli sempre più stringenti nel sacrosanto rispetto del diritto alla salute delle comunità.

In questo quadro, segnato anche da oggettive difficoltà legate tra l’altro alle lungaggini burocratiche e rallentamenti che caratterizzano da anni l’emissione dei pertinenti decreti di finanziamento delle opere con fondi pubblici, è stato possibile mantenere su livelli di efficienza adeguati le prestazioni funzionali degli impianti solo grazie all’impegno costante ed agli investimenti privati del Gestore.

Print Friendly, PDF & Email
2019-12-04T09:56:24+01:00Dicembre 1st, 2019|News|