Air Liquide lancia l’attività biometano in Italia con due nuove unità produttive

Air Liquide ha annunciato la costruzione delle sue due prime unità produttive di biometano in collaborazione con il suo partner Dentro il Sole (DIS). I due impianti saranno realizzati rispettivamente a Truccazzano, in provincia di Milano, e Fontanella, Bergamo, e ricicleranno materiale organico proveniente da attività agricole e zootecniche per convertirlo in biometano, una fonte di energia rinnovabile.

Questi investimenti per supportare l’economia circolare sono in linea con gli Obiettivi Climatici del Gruppo e contribuiscono allo sviluppo di una società a basse emissioni di carbonio.

Le due nuove unità produttive, la cui entrata in esercizio è prevista per il secondo trimestre 2021, consentiranno di valorizzare gli scarti agricoli e zootecnici provenienti da aziende agricole locali utilizzandoli per la produzione di biometano liquefatto e saranno dotate di una capacità produttiva complessiva di 3200 tonnellate all’anno, equivalenti a circa 50 GWh/y. In un’ottica di economia circolare, gli impianti saranno inoltre completati da apposite stazioni di servizio per la fornitura di bio-LNG (bio-Liquified Natural Gas) e bio-CNG (bio-Compressed Natural Gas) alle aziende di logistica locali. Aperte 24 ore su 24, 7 giorni su 7, le stazioni potranno rifornire fino a 100 camion al giorno. Air Liquide e DIS infatti realizzano partnership con operatori agricoli locali per produrre biometano destinato al settore dei trasporti.

Air Liquide ha sviluppato competenze lungo l’intera catena di valore del biometano: produzione da scarti organici e agricoli, purificazione, liquefazione, stoccaggio, trasporto e distribuzione. Il Gruppo conta oggi più di 80 stazioni che distribuiscono bio-NGV in Europa e 20 impianti produttivi di biometano nel mondo.

GianLuca Cremonesi, Direttore Generale di Air Liquide Biogas Solution Europe in Italia, ha affermato: “In un contesto globale nel quale le energie pulite e rinnovabili giocano un ruolo sempre più centrale, la capacità di trasformare risorse organiche in energia rinnovabile e priva di emissioni inquinanti offre una soluzione concreta alle esigenze energetiche e di trasporto pulito delle società moderne.”

Emilie Mouren-Renouard, membro del Comitato Esecutivo del Gruppo, responsabile Innovation, Digital & IT, Intellectual Property, nonchè Global Markets & Technologies Activity World Business Unit, ha affermato: “Questi nuovi investimenti dimostrano la nostra capacità di supportare i clienti del trasporto su strada offrendo soluzioni efficienti che li aiutano a ridurre l’impatto ambientale delle loro attività. Con queste due nuove unità produttive in Italia, Air Liquide prosegue lo sviluppo delle sue attività del settore biometano in Europa. In linea con i suoi Obiettivi Climatici, Air Liquide sta intraprendendo azioni negli ecosistemi in grado di affrontare le sfide della transizione energetica.”

Il biometano viene prodotto dal trattamento dei rifiuti (agricoli, domestici e industriali) grazie alla tecnologia di depurazione del biogas basata sull’utilizzo di membrane polimeriche brevettate e prodotte da Air Liquide. Utilizzato come carburante nei veicoli, il biogas naturale o biometano è anche chiamato bio-NGV (Natural Gas for Vehicles). Il Bio-NGV, così come l’idrogeno, rappresenta una soluzione pulita per il trasporto. Air Liquide è presente in ogni fase della catena del valore del biometano e sostiene l’economia circolare: dai rifiuti alla mobilità. La capacità di produzione globale di biometano del Gruppo è pari a 1,3 TWh.

Air Liquide è certificata con  Certiquality  su più schemi, per vederli, Clicca Qua

2020-11-19T09:17:37+01:00Novembre 19th, 2020|Sostenibilità|
Torna in cima