UNI – ATTIVITÀ PROFESSIONALI NON REGOLAMENTATE: LA UNI 11369 DEFINISCE IL CONSULENTE DI MANAGEMENT

Consulente di management

La consulenza di management è quell’insieme di attività multidisciplinari di tipo intellettuale, nel campo delle attività di management, che mira a creare valore o a promuovere cambiamenti, attraverso la fornitura di consigli o soluzioni, intraprendendo azioni oppure producendo servizi erogati. Il consulente di direzione è il partner del top management o dell’imprenditore nella pianificazione del sistema organizzativo e soprattutto del suo miglioramento.

A tal proposito è grazie alla commissione Servizi che è stata pubblicata di recente la UNI 11369.

Questo documento definisce i requisiti relativi all’attività professionale del consulente di management, ossia l’attività di libera professione finalizzata alla fornitura, intesa come progettazione ed erogazione, di servizi immateriali ed intellettuali, esercitata individualmente, in gruppo o sotto forma di società e i cui clienti sono soggetti collettivi (imprese/organizzazioni/enti), a prescindere dalle competenze occorrenti nell’attività specialistica esercitata. Il consulente di management, elabora e progetta la sua offerta con una visione grandangolare.

Questi requisiti sono specificati, a partire dai compiti e attività specifiche identificati, in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (European Qualifications Framework EQF) e sono espressi in maniera tale da agevolare e contribuire a rendere omogenei, per quanto possibile, i processi di valutazione e convalida dei risultati dell’apprendimento.

La norma non riguarda le figure professionali caratterizzate sostanzialmente da conoscenze e abilità specifiche di settore, per esempio HR, ICT, Sistemi amministrativi, ecc.

Nel fornire consulenza al cliente, il Consulente di Management ha il compito di:

1) Fornire consigli, pareri e raccomandazioni

2) Studiare piani e progetti ed elaborare proposta/offerta

3) Indirizzare, supportare e partecipare alla realizzazione degli stessi

4) Monitorare la qualità del processo

5) Valutare l’efficacia e la qualità dei risultati

6) Progettare e realizzare formazione professionale e comportamentale

Il mantenimento, l’aggiornamento e l’evoluzione delle competenze necessarie all’attività professionale del consulente di management al momento non sono subordinate ad uno specifico percorso formativo. Il professionista è in ogni caso tenuto a seguire percorsi autonomi o guidati di aggiornamento professionale continuo.

All’interno della norma è citata come riferimenti normativo la UNI CEI EN ISO/lEC 17024 Valutazione della conformità – Requisiti generali per organismi che eseguono la certificazione di persone

Informazioni per l’acquisto

UNI 11369:2019 “Attività professionali non regolamentate – Consulente di management – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza” – Euro 46,00 + iva (in lingua italiana)

Le norme, sia in formato elettronico che in formato cartaceo, saranno scontate del 15% ai soci effettivi. L’abbonamento annuale a tutte le norme è disponibile a partire da 200 euro: scopri come!

Divisione Vendite

Tel. 0270024200 (call center dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì) – Email: vendite@uni.com

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

UNI su Magazine Qualità