18 progetti entrati in Inchiesta Pubblica Preliminare

UNI inchiesta pubblica su Magazine Qualità

Sono 18 i progetti di norma sottoposti a inchiesta pubblica preliminare per due settimane, dal 19 novembre al 3 dicembre. Questi i temi al centro dei lavori delle commissioni tecniche.

La commissione Trasmissioni oleoidrauliche e pneumatiche propone ben otto progetti.

Vediamoli qui di seguito

  • Il primo, UNI1609403, specifica le prove di accettazione e di funzionamento per i cilindri di potenza oleoidraulici. Nasce dalla necessità delle aziende di settore e adotta la ISO 10100:2020.
  • Il secondo, UNI1609409, stabilisce le procedure per la misurazione della pressione media in regime stazionario in un condotto oleoidraulico. Nasce dalla necessità di renderla disponibile al mercato di settore come UNI ISO. Sostituisce la UNI ISO 9110-2:1994.
  • Il terzo, UNI1609401, specifica le dimensioni e le tolleranze associate per una serie di alloggiamenti di guarnizioni per pistoni di cilindri idraulici per ospitare guarnizioni in elastomero, con faccia in plastica, utilizzate in applicazioni alternative. Sostituisce la UNI ISO 7425-1:1990.
  • Il quarto, UNI1609402, specifica le dimensioni e le relative tolleranze per una serie di alloggiamenti per guarnizioni di tenuta dello stelo di cilindri idraulici per ospitare guarnizioni in elastomero, con faccia in plastica, utilizzate in applicazioni alternative. Sostituisce la UNI ISO 7425-2:1992.
  • Il quinto, UNI1609410, fornisce consigli su come concepire sistemi idraulici che possono essere azionati con una maggiore efficienza energetica mantenendo la funzionalità prevista della macchina. Adotta la ISO/TR 22164:2020.
  • Il sesto, UNI1609408, stabilisce i principi generali per la misurazione di parametri prestazionali in condizioni statiche o di regime stazionario. Nasce dalle esigenze dirette del settore. Sostituisce la UNI ISO 9110-1:1994.
  • Il settimo, UNI1609404, specifica i requisiti generali e i metodi di prova per la progettazione e le prestazioni dei connettori ad innesto per l’uso con tubi termoplastici con diametro esterno (OD) da 3 mm a 16 mm, comprese le dimensioni in pollici. Adotta la ISO 14743:2020.
  • L’ottavo ed ultimo, UNI1609405, specifica un metodo stazionario per testare i componenti pneumatici che utilizzano fluidi comprimibili, cioè i gas, e che hanno percorsi di flusso interni che possono essere di dimensioni fisse o variabili, per determinare le loro caratteristiche di portata. Un metodo per valutare la capacità di flusso dei componenti pneumatici utilizzando la conduttanza efficace è riportato nell’Appendice I. Adotta la ISO 6358-1:2013/Amd 1:2020.

Proseguiamo con la commissione Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato che pone l’attenzione su due progetti di norma.

Eccoli

  • Il primo, UNI1610350, contiene le istruzioni complementari per l’applicazione in Italia della UNI EN 12620 e fornisce prescrizioni inerenti la designazione e i criteri di conformità. Nasce dalla necessità di un maggiore dettaglio per l’impiego di materiali di origine secondaria. Sostituisce la UNI 8520-1:2015.
  • Il secondo, UNI1610351, contiene le istruzioni complementari per l’applicazione in Italia della UNI EN 12620. Specifica le caratteristiche e i requisiti degli aggregati e filler, definiti e classificati in conformità alla UNI EN 12620, destinati alla confezione di calcestruzzi di adeguata resistenza e durabilità, in funzione della destinazione d’uso. Anche in questo caso nasce dalla necessità di un maggiore dettaglio per l’impiego di materiali di origine secondaria. Sostituisce la UNI 8520-2:2016.

Continuiamo con la commissione Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio che rivolge il suo interesse al progetto UNI1610354.

  • Questo documento individua i ruoli e le responsabilità dei diversi operatori che intervengono nel processo di posa in opera, dalla progettazione alla verifica finale, di finestre, portefinestre, porte pedonali esterne e interne e chiusure oscuranti di ogni tipo. Sostituisce la UNI 10818:2015.

Passiamo alla commissione Città, comunità e infrastrutture sostenibili che sottopone all’inchiesta il progetto UNI1610360.

  • Questo documento fornisce una guida ai leader delle città e comunità intelligenti (dal settore pubblico, privato e volontariato) su come sviluppare per la loro città un modello operativo aperto, collaborativo, incentrato sui cittadini e abilitato al digitale, che metta in pratica la sua visione di un futuro sostenibile. Il documento non descrive un modello unico per il futuro delle città. Piuttosto, l’attenzione è focalizzata sui processi di abilitazione attraverso i quali l’uso innovativo della tecnologia e dei dati, unito al cambiamento organizzativo, può aiutare ogni città a realizzare la propria visione specifica per un futuro sostenibile in modi più efficienti, efficaci e agili. Il documento fornisce strumenti comprovati che le città possono utilizzare per rendere operativa la visione, la strategia e l’agenda politica che hanno sviluppato a seguito dell’adozione della norma ISO 37101, il sistema di gestione per lo sviluppo sostenibile delle comunità. Può anche essere utilizzato, in tutto o in parte, dalle città che non si sono impegnate nell’implementazione del sistema di gestione ISO 37101. Sostituisce la UNI ISO 37106:2019.

E ancora la commissione Agroalimentare propone il progetto UNI1610255 che stabilisce le caratteristiche e i metodi di analisi dell’olio di cartamo raffinato ottenuto dai semi del Carthamus tinctorius L. ad uso alimentare.

  • Nasce con l’intento di definire parametri di riferimento, come indicato e previsto dalle norme generali relative agli oli vegetali, tenuto conto che, allo stato attuale, non è presente in campo internazionale volontario nessun documento specifico.

È la volta della commissione Saldature con il progetto UNI1610377 che specifica le caratteristiche minime prestazionali per le attrezzature ausiliarie utilizzabili dall’operatore di saldatura nell’esecuzione di una giunzione per tubazioni in polietilene (PE) in modo che essa possa garantire l’affidabilità del sistema per il periodo di vita definito in fase di progetto.

  • Nasce dall’esigenza di fornire a coloro che prescrivono l’utilizzo di attrezzature dedicate ai processi di saldatura del polietilene un documento che stabilisce requisiti minimi funzionali condivisi.

Concludiamo con la commissione Sicurezza della società e del cittadino che mette allo studio quattro progetti, vediamoli qui di seguito.

  • Il primo, UNI1610380, fornisce una guida all’uso dei social media nella gestione delle emergenze. Fornisce una guida su come le organizzazioni e il pubblico possono usare e interagire attraverso i social media prima, durante e dopo un incidente, nonché su come i social media possono sostenere il lavoro dei servizi di emergenza. La norma è applicabile alle organizzazioni governative e non governative coinvolte nella gestione delle emergenze e nella comunicazione delle crisi. Adotta la ISO 22329:2021.
  • Il secondo, UNI1610379, fornisce linee guida per sviluppare e mantenere piani e procedure di continuità operativa. È applicabile a tutte le organizzazioni indipendentemente dal tipo, dalle dimensioni e dalla natura, sia nel settore privato, pubblico o no profit, che desiderano sviluppare piani e procedure efficaci di continuità operativa in modo coerente. Adotta la ISO/TS 22332:2021.
  • Il terzo, UNI1610378, fornisce una guida su come sviluppare piani di recupero e strategie di rinnovamento da una grande emergenza, disastro o crisi (come la pandemia COVID-19). Fornisce linee guida su come identificare le attività transazionali a breve termine necessarie per riflettere e imparare, rivedere la preparazione delle parti del sistema colpite dalla crisi e ripristinare le operazioni per costruire la preparazione. Adotta la ISO/TS 22393:2021.

Il quarto ed ultimo, UNI1609550, fornisce le linee guida per le buone pratiche che possono essere adottate dalle organizzazioni per l’attuazione della gestione della sicurezza dei pendolari.

L’inchiesta pubblica preliminare è un passaggio fondamentale del processo normativo perché aiuta a capire se:

  • il mercato ha bisogno di queste norme
  • ci sono altri bisogni da soddisfare
  • ti interessa partecipare

Lo sviluppo di uno standard deve avere luogo solo di fronte a un reale beneficio

Per questo il tuo parere è importante: aspettiamo commenti (>> vai alla banca dati)

Scopri come partecipare alle attività di normazione (>> vai alla sezione Associazione)

FOCUS: cos’è l’inchiesta pubblica preliminare – L’esigenza di trasparenza del processo di normazione tecnica volontaria si evidenzia in un passaggio fondamentale: l’inchiesta pubblica preliminare. Infatti, solo vagliando preventivamente le concrete esigenze del mercato è possibile avviare in maniera utile ed efficace i lavori di normazione; perché lo sviluppo di una norma deve aver luogo solo di fronte a un reale beneficio e individuando tutti i soggetti significativi degli interessi in gioco, in modo che ci sia una “rappresentanza adeguata”. La banca dati dell’inchiesta pubblica preliminare dei progetti di norma UNI fornisce i riferimenti generali del progetto (titolo, scopo/sommario, giustificazioni, benefici attesi) così da informare tempestivamente il pubblico circa l’intenzione di avviare lavori di normazione in determinati settori o su specifici temi. La banca dati contiene anche i riferimenti dei progetti la cui inchiesta è già scaduta: questo per fornire agli utenti un’informazione più completa sulle attività di normazione che UNI ha proposto o avviato nel corso del tempo. Questo servizio di informazione offre inoltre la possibilità, per i progetti di norma nazionale, di inviare commenti e di dichiarare il proprio interesse alla partecipazione ai lavori di normazione, mentre per i progetti di adozione di norme ISO e di rapporti o specifiche tecniche CEN (CEN/TR, CEN/TS) offre la possibilità di segnalare se i documenti già emanati da CEN o ISO, di cui si propone l’adozione, possono rispondere, da un punto di vista tecnico, alle esigenze nazionali.

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo UNI 2021 su Magazine Qualità

2021-11-23T11:12:26+01:00Novembre 23rd, 2021|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima