TÜV Rheinland – Sui tetti dei camion si possono formare lastre di ghiaccio

Sui tetti di camion si possono accumulare rapidamente grandi quantità di acqua e neve, a causa di lunghi periodi di non utilizzo dell’automezzo stesso, che in inverno possono ghiacciare e di conseguenza rappresentare un pericolo per il traffico stradale.

“I blocchi di neve e ghiaccio possono staccarsi dal tetto e causare situazioni di pericolo, specialmente in curva o quando i conducenti guidano ad alta velocità”, spiega Massimo Bianchi, Business Stream Manager Mobility di TÜV Rheinland Italia, settore mobility. Inoltre, le nuvole di neve che si formano quando il camion è in partenza e le particelle di ghiaccio ostacolano la visibilità, possono danneggiare i veicoli e costringere altri utenti della strada a compiere manovre “audaci”.

Il conducente ha sempre la responsabilità

Non importa se auto o camion – la regola generale è sempre: nessuno deve essere ostacolato o addirittura danneggiato nel traffico stradale. Per questo motivo, l’autista è obbligato a rimuovere neve e ghiaccio dall’auto o dal camion prima di iniziare il viaggio, altrimenti commette un reato amministrativo e inoltre, in caso di incidenti, potrebbero esserci problemi con l’assicurazione di responsabilità civile.

Impalcature speciali per i conducenti dei camion

In molte stazioni di servizio autostradali sono disponibili impalcature speciali per permettere ai conducenti dei camion di raggiungere il tetto e la copertura dei loro veicoli. Altrimenti devono usare una scala per rimuovere la neve e il ghiaccio. “In inverno, i veicoli dovrebbero generalmente mantenere un’ampia distanza di sicurezza dai camion”, sottolinea Massimo Bianchi, “ed è importante prestare particolare attenzione negli accessi e negli svincoli delle autostrade. Infatti, quando i camion accelerano, c’è un alto rischio che dal telone possano staccarsi blocchi di neve e ghiaccio residui.

Comunicazione a cura di  TÜV Rheinland

2019-02-14T17:51:06+01:00News|