Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

TÜV Italia per la prima volta al Salone del Libro per promuovere la sicurezza dei libri per bambini

Dal 9 al 13 maggio, TÜV Italia farà il suo debutto all’evento più importante dell’editoria italiana, con l’obiettivo di mettere in luce gli aspetti di sicurezza dei libri destinati ai più piccoli.

TÜV Italia libri per bambini su Magazine Qualità

Anche nell’affascinante mondo della letteratura per bambini, la conformità alle normative vigenti è fondamentale per garantire prodotti sicuri. TÜV Italia, con la sua vasta esperienza nel settore della certificazione e della sicurezza, offrirà preziosi suggerimenti agli editori e agli operatori del settore per assicurare che i libri per bambini rispettino gli standard di sicurezza richiesti.

Oltre a beneficiare di uno spazio dedicato nell’Area Collettiva, TÜV Italia, in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, organizzerà due  incontri focalizzati sul  seguente tema:

Gli obblighi degli editori, dei distributori e degli stampatori riguardo ai libri per bambini. La sottile distinzione tra un libro e un giocattolo.

Gli appuntamenti si terranno il 9 maggio presso la Sala Cobalto, dalle 15:30 alle 16:30, e il 13 maggio presso il BookLab, Pad 4, dalle 14:15 alle 15:15.

I libri per bambini, infatti, sono da considerare con attenzione in quanto rientrano nella categoria di prodotti “border-line”, ossia possono essere considerati un giocattolo o meno e, quindi, possono (o meno) ricadere sotto la Direttiva Europea per la Sicurezza dei Giocattoli.

Le statistiche confermano che i giocattoli sono tra i prodotti più segnalati come pericolosi. Secondo il Safety Gate dell’UE, nel 2020 i giocattoli rappresentavano il 27% delle segnalazioni.

In questo scenario, la sicurezza dei libri per bambini assume un’importanza cruciale. Anche se spesso trascurati come giocattoli, richiedono un’attenzione particolare e conoscenze specifiche per garantirne la sicurezza commerciale.

Un aiuto agli editori arriva da TÜV Italia, un ente di certificazione con laboratori distribuiti globalmente e esperti competenti in varie direttive e regolamenti, che si propone di offrire supporto agli editori per garantire la conformità dei loro prodotti alle normative nazionali ed internazionali. Cristina Marafante ed Elena Fontana, esperte nella sicurezza dei giocattoli e nella valutazione chimico-meccanica dei prodotti, forniscono assistenza tecnica agli editori per la commercializzazione dei loro articoli sui mercati nazionali, europei e internazionali. Questo supporto include prove di verifica per garantire la conformità degli articoli alle regolamentazioni dei paesi di destinazione.

Possiamo anche offrire ai nostri clienti un valido servizio di assistenza documentale e tecnico normativa per le certificazioni internazionali, oltre a un supporto per le verifiche presso i siti produttivi, per le ispezioni durante le produzioni e prima dell’invio della merce, sia all’estero che in Italia, direttamente presso le stamperie o i depositi in tutto il mondocontinuano Marafante e FontanaI libri per bambini sono da considerare con attenzione in quanto rientrano nella categoria di prodotti “border-line”, ossia possono essere considerati un giocattolo o meno. Per questa ragione è utile tracciare un  quadro degli adempimenti e delle possibilità dell’editore, capendo come, un ente come TÜV Italia, possa sostenerlo in questo percorso”.

Il quadro di riferimento normativo

Prima di tutto, è importante comprendere la destinazione d’uso e la classificazione del libro secondo le normative vigenti. Una volta definito il mercato di vendita, si assiste l’editore nella creazione di un piano di verifica e valutazione per garantire la conformità del libro prima di apporre il marchio CE. È un passaggio cruciale, poiché la direttiva N° 2009/48 richiede che i libri destinati ai bambini al di sotto dei 14 anni siano sicuri sia a breve che a lungo termine.

Anche se un libro non richiede la marcatura CE, è necessario che sia sicuro per un utilizzo normale o ragionevolmente prevedibile. L’editore ha la responsabilità di tutelare la salute e la sicurezza degli utenti, in particolare dei bambini che spesso utilizzano i libri per fini ludici.

Libri per bambini: prodotti “border-line”. Cosa significa?

Alcuni prodotti sono «border-line», ossia rientrano nella cosiddetta «grey zone», una specie di limbo nella classificazione di categoria del prodotto. Tali libri possono essere considerati come giocattoli o meno. In questa casistica rientrano non solo i libri per bambini ma anche, ad esempio, gli articoli promozionali forniti spesso in omaggio. Per queste valutazioni, così come gli enti preposti alla sorveglianza del mercato, ci si avvale  delle normative vigenti e delle linee guida europee.

Mettere in sicurezza un libro per bambini

Nella maggior parte dei casi, non è richiesto un certificato di qualità, ma è importante mostrare che sono state effettuate verifiche di sicurezza. Ad esempio, per i giocattoli, è necessario avere un dettagliato dossier tecnico da mostrare alle autorità. Prima di mettere il prodotto in vendita, tutti gli attori coinvolti nella distribuzione devono assicurarsi che sia sicuro e di qualità.

Per i libri, giornali o libri giocattolo, è importante mostrare che rispettano le normative pertinenti. Prima di tutto, bisogna definire la categoria del prodotto. Successivamente, l’editore deve aggiungere le informazioni e le etichette necessarie e condurre le prove meccaniche, di infiammabilità e le analisi chimiche richieste. Una volta completato il rapporto di prova e la documentazione necessaria, l’editore può rilasciare una dichiarazione di conformità (se necessario CE) per dimostrare la conformità del libro alle autorità o ai clienti.

Le sanzioni in cui può incorrere l’editore

Secondo il Decreto legislativo che recepisce la direttiva N° 2009/48, ci sono diverse sanzioni previste per chi non rispetta le regole. Ad esempio, se un fabbricante o un importatore mette sul mercato prodotti che non rispettano i requisiti di sicurezza, può essere punito con un’ammenda da €10.000 a €50.000 e può essere arrestato fino a un anno. Per i libri giocattolo che non hanno la documentazione tecnica richiesta, l’ammenda può variare da €2.500 a €40.000. Se mancano le avvertenze sui libri, l’ammenda può andare da €2.500 a €30.000. Ovviamente ogni sanzione o ammenda potrà essere applicata per ogni titolo ritenuto non conforme.

Non perdere l’opportunità di approfondire temi cruciali con TÜV Italia alla prossima edizione della Salone del Libro di Torino! Partecipa ai nostri appuntamenti sul tema:  Gli obblighi degli editori, dei distributori e degli stampatori riguardo ai libri per bambini. La sottile distinzione tra un libro e un giocattolo.

  • 9 maggio presso la Sala Cobalto, dalle 15:30 alle 16:30
  • 13 maggio presso il BookLab, Pad.4, dalle 14:15 alle 15:15

Comunicazione a cura di TÜV Italia

TÜV Süd su Magazine Qualità

2024-04-23T07:49:29+01:00Aprile 23rd, 2024|Eventi|
Torna in cima