Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Tocatì è “Festival Sostenibile” È il primo evento a ottenere la certificazione ISO 20121

Tocatì,  Festival Internazionale dei Giochi in  Strada,  che ha concluso con successo  il  20 settembre  la  XIII edizione,  ha ottenuto la  certificazione  internazionale ISO20121,  che dimostra e valorizza l’impegno nella gestione  sostenibile.

auditor.in_.bici_-300x225

Con  questa importante certificazione, nata nel 2012, Tocatì si allinea  ad  altri grandi festival italiani, come Ferrara Buskers Festival,  Rock  Master Festival  di Arco di Trento, Mito settembre musica di Milano, Notti  all’Arsenale del Carnevale di  Venezia, Social  World Film  Festival  di Vico Equense (Napoli).

La norma ISO 20121 definisce lo standard di gestione per l’organizzazione sostenibile di eventi. Prevede la misurazione  e la riduzione degli impatti  economici, sociali e ambientali e definisce un  percorso per il  miglioramento continuo  nel tempo del sistema di gestione  assicurando la conformità a  una  policy di sviluppo sostenibile.

Associazione Giochi Antichi, che organizza Tocatì  insieme al Comune di Verona­ ‐ Area Cultura,  e  che in  questo  progetto  ha l’appoggio dell’Assessorato all’Ambiente, ha ottenuto la certificazione del sistema di gestione  del  Festival da Bureau Veritas, organismo di certificazione internazionale. 

Bureau Veritas è Accreditato da Accredia.

Il Tocatì è un evento costruito durante tutto l’anno e richiede una gestione continua delle  attività che culminano  nei quatto giorni del Festival. Per ottenere la certificazione è stato necessario individuare tempi e modalità per garantire un’affidabile valutazione di conformità e  verificare le  attività durante il Festival.

Il  9 settembre 2015  è  stato emesso il primo certificato a seguito della verifica di progettazione e dell’analisi documentale.

Durante  due giornate  del festival si sono svolte le verifiche di monitoraggio da parte di Bureau Veritas che hanno portato all’emissione del  secondo certificato in data 21 settembre.

Il terzo e ultimo certificato viene emesso alla fine delle attività di verifica di reporting volte alla misurazione degli indicatori del grado di raggiungimento degli obiettivi.

Il dottor  Lorenzo Orlandi,  amministratore di LOCOM, è il consulente di Associazione Giochi Antichi. Specializzato nella gestione di ISO  20121,  ha  affiancato l’organizzazione  del   Festival in  tutto  il percorso:  dalla progettazione attraverso la definizione  di politiche, procedure e obiettivi, alla gestione dei momenti di verifica delle azioni, fino al reporting  finale.

Per giunger ealla certificazione sono stati necessari il coinvolgimento  del Consiglio Direttivo e la partecipazione di tutti gli stakeholder nelle varie aree di azione dell’organizzazione (per esempio la scelta di location e allestimenti, l’analisi della mobilità, la gestione della ristorazione, i  rapporti con i fornitori, ecc).

Anche il  pubblico del festival è stato responsabilizzato attraverso un manuale con indicazioni per vivere il Festival in modo   sostenibile.

Ecco alcune indicazioni riguardanti vari ambiti

Utility: uso di energie provenienti da fonti rinnovabili certificate (offerta da AGSM), installazione di nuove fontanelle per l’acqua potabile in città, uso dell’acqua dell’acquedotto cittadino Acque Veronesi depurata  con  filtri invece delle bottiglie di acqua minerale alle Cucine  del Festival e all’Osteria  del Gioco;  creazione di  isole ecologiche e integrazione dei servizi per la raccolta differenziata (a cura di AMIA).    

Accessibilità: servizi e assistenza ai giochi per i disabili, installazione di rampe di accesso.    

Mobilità: centro chiuso al traffico e  vuotato  dalle auto posteggiate, accesso per bici facilitato dalla creazione di un posteggio per biciclette gratuito e custodito, staff del festival che  usa mezzi  elettrici e biciclette, azioni di comunicazione volte a   invitare il pubblico a raggiungere Verona con il car‐sharing o in treno.    

Allestimenti: realizzati con materiali certificati, riuso e riciclo degli allestimenti nelle varie edizioni.  

Ristorazione:  fornitori locali a filiera corta, uso di prodotti  tipici, la proposta di alcuni menù a chilometro zero alle Cucine del  festival (grazie alla collaborazione  di Coldiretti Verona), uso stoviglie in materiali riciclabili.    

Comunicazione: trasparenza delle informazioni e interviste  al pubblico per un feedback sul festival.

Cultura:  partecipazione della città, organizzazione di mostre conferenze e incontri con personaggi della cultura,  coinvolgimento delle comunità locali, coinvolgimento di ospiti internazionali, coinvolgimento di oltre 500 volontari e circa 700 ospiti del festival (comunità di gioco, artisti, relatori) che formano una grande comunità.

Ricordiamo che Tocatì ha sempre avuto molte attenzioni nei confronti della sostenibilità e che molto di quanto sopra elencato veniva già realizzato del tutto o in parte, ma ora è stato sistematizzato e organizzato in un sistema di gestione conforme alle norme che ha portato a ottenere questa importante certificazione internazionale, che prevede anche un percorso per il miglioramento continuo nel tempo che verrà monitorato.

Ora  Tocatì  è  “evento  sostenibile ISO  20121”.

Nel  progetto è coinvolta  anche la dottoressa Paola Castellani, ricercatore in Economia e gestione delle imprese  presso il Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università degli Studi di Verona, e docente nel Corso di laurea magistrale in Marketing e Comunicazione d’Impresa dell’Ateneo scaligero. La dottoressa Castellani segue lo sviluppo delle attività di Associazione Giochi Antichi e LOCOM al fine di coordinare un progetto di ricerca nel quale saranno  impegnate anche alcune laureande che ne faranno poi l’oggetto della loro tesi di laurea.

È una grande soddisfazione per il Festival aver ottenuto questa importante certificazione internazionale, che dà visibilità e valore alle attenzioni che abbiamo – e abbiamo avuto fin dalle prime edizioni – nei confronti della  sostenibilità” dice Giorgio Paolo Avigo, presidente di Associazione Giochi Antichi.       

Per  garantire la trasparenza delle  azioni relative al processo di gestione, LOCOM ha aggiornato continuamente la comunicazione al pubblico con informazioni sulle azioni relative al processo di certificazione nel  sito http://www.iso20121eventi.it/tocati-2015.

2016-01-25T15:19:47+01:00Settembre 26th, 2015|Certificazioni, Sostenibilità|
Torna in cima