SOSTENIBILI SI DIVENTA: OBIETTIVI, PROCESSI, PERSONE, PRODOTTI Palazzo dei Congressi di Firenze, 25 ottobre 2013

La Camera Nazionale della Moda ospite d’eccezione al Convegno sulla sostenibilità promosso da Process Factory e Brachi in collaborazione con Bureau Veritas e con il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone.

 Negli ultimi anni, il termine “sostenibilità” lo abbiamo sentito e letto un po’ ovunque, associato all’  ambiente, al mondo del lavoro, ai prodotti e ai beni di acquisto, agli eventi… Ci è diventato familiare, ma non sappiamo davvero cosa sia.

Il 25 ottobre 2013, al Palazzo dei Congressi di Firenze, si parlerà di sostenibilità in un Convegno che rifugge ogni accademismo e sceglie la via della concretezza, il valore insuperabile dell’esperienza. Lo organizzano due brand leader nel settore, Process Factory Brachi, in collaborazione con Bureau Veritas, ente di verifica con pluriennale esperienza nel monitoraggio della responsabilità sociale per le filiere della moda.

Il Convegno, che vanta il patrocinio di Confindustria Firenze, Consorzio Centopercento Italiano e Leatherzone, vedrà anche la partecipazione della Camera Nazionale della Moda Italiana, con un atteso intervento del Direttore Giulia Pirovano.

L’appuntamento di Firenze è concepito come un concerto di testimonianze da parte di chi, la sostenibilità, la ”mastica” ogni giorno, aiutando le imprese a farne un fattore di business alternativo – perché compatibile con valutazioni di carattere etico – e in qualche misura obbligato. La sostenibilità, oggi, non è più, infatti, solo un’opzione, ma un’opportunità irrinunciabile di sviluppo, una condizione necessaria per presidiare il mercato con autorevolezza e continuità.

Cosa s’intende per sostenibilità e chi ne è interessato? Che cos’ è un piano di sviluppo sostenibile e come fare a svilupparlo, a gestirlo, a comunicarlo? Attraverso quali strumenti tecnici e informatici? La prima parte del Convegno punterà a dare a queste domande risposte pratiche e chiare: una sorta di manuale delle istruzioni facili da capire e, soprattutto, da applicare.

La sessione pomeridiana, dopo un light lunch preparato con prodotti rigorosamente a km 0, sarà invece dedicata al settore pelletteria, scelto non a caso per i profondi mutamenti di carattere normativo che lo stanno attraversando.

Un altro zoom, questa volta di tipo geografico, interesserà le complessità del mercato cinese, dove la sostenibilità è spesso una condizione esclusiva di accesso. A fare chiarezza, in questo caso, saranno le stesse autorità delle Dogane dello Zhejiang – lo Zhejiang CIQ – che introdurranno il dibattito conclusivo con un intervento di grande interesse tecnico e pratico.

Per maggiori informazioni, 055.461947, marketing@processfactory.it

2014-12-14T21:57:32+00:00 News|