IRCCS ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI

L’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano è un polo di eccellenza per la ricerca e la cura delle patologie dell’apparato locomotore ed è il primo centro ortopedico in Lombardia, accreditato con il Sistema Sanitario Nazionale, con 14.537 ricoveri, 24.860 accessi al Pronto Soccorso e 16.111 interventi chirurgici nel 2016.

Galeazzi sala operatoria

L’IRCCS Galeazzi è una delle 18 strutture d’eccellenza del Gruppo ospedaliero San Donato (https://www.grupposandonato.it/) e nel 2006 ha ricevuto, da parte del Ministero della Salute, l’importante riconoscimento di Istituto di Ricovero e Cura a carattere Scientifico (IRCCS) per la ricerca nell’ambito della medicina riparativa e rigenerativa in ambito ortopedico. Rappresenta un centro di eccellenza nella ricerca biomedica clinica e pre-clinica e nell’attività didattica come sede di insegnamento del Corso di Laurea di Medicina e Chirurgia in convenzione dell’Università degli Studi di Milano.

L’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi è dotato di equipe chirurgiche altamente specializzate nei vari ambiti dell’ortopedia e della traumatologia, ma è diventato negli anni un centro polispecialistico con specialità integrative e complementari come chirurgia maxillo-facciale, neurochirurgia, reumatologia, chirurgia vascolare e chirurgia plastica e ricostruttiva, cui si aggiungono un importante reparto fisiatrico e riabilitativo, un Pronto Soccorso ortopedico, un settore di autotrasfusione con emorecupero e un’officina protesica interna per venire incontro a tutte le necessità del paziente durante il percorso di cura.

La chirurgia protesica, la traumatologia sportiva e la chirurgia spinale sono i tre pilastri sui quali si fonda l’attività dell’istituto. Importanti squadre di calcio e federazioni sportive si avvalgono della professionalità degli specialisti dell’IRCCS Galeazzi. La struttura è ai vertici, in Italia, per la chirurgia protesica di anca, ginocchio e caviglia con 3.631 impianti nel 2016. Inoltre, la collaborazione tra ortopedici e neurochirurghi ha dato vita al più grande centro di chirurgia spinale d’Italia, che è anche punto di riferimento per le patologie oncologiche del rachide e delle ossa lunghe.

La struttura sta lavorando ad altri importanti progetti improntati ad ottimizzare i processi organizzativi e assistenziali nell’ottica di offrire al paziente un servizio sempre migliore.

Nel 2015 l’IRCCS Galeazzi ha sviluppato un software per massimizzare l’impiego delle sale operatorie e ridurre i tempi di attesa della chirurgia, con l’obiettivo di gestire in tempo reale le procedure ed eventuali criticità del flusso operativo del comparto operatorio.

Questo progetto di ricerca è stato premiato nella categoria «Processi gestionali» del Premio «Innovazione digitale in sanità 2016» del Politecnico di Milano, il riconoscimento dell’Osservatorio innovazione digitale in sanità che valuta i migliori progetti della sanità italiana che utilizzano le tecnologie digitali come leva di innovazione.

L’IRCCS Galeazzi ha visto recentemente riconosciuto un altro importante primato: secondo i dati dell’ultimo rapporto del Programma nazionale esiti (Pne) dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), l’ospedale milanese è in testa alla classifica delle strutture con migliore performance per il trattamento delle fratture del collo del femore. In Italia la percentuale di questi interventi eseguiti entro le 48 ore dal trauma nei pazienti fragili con più di 65 anni è passata dal 31% del 2010 al 55% del 2015: l’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi sfiora il 98%.

Le sale per l’attività chirurgica hanno la certificazione ISO 7 (secondo la UNI EN ISO 14644-1), ad esclusione della sala operatoria dedicata agli interventi di neurochirurgia che è classificata ISO 5.

Il principale mezzo di trasporto dei microorganismi presenti nell’aria è il particolato. Lo standard ISO prevede quindi una maggior qualità dell’aria quanto minore è la presenza di particelle in sospensione: per la classe ISO 5 è richiesta la conta particellare delle sole particelle inferiori o uguali a 0,5 μm con limite fissato a 3520 particelle/m3, mentre per le ISO 7 è prevista la conta particellare sia delle particelle inferiori o uguali a 0,5 μm con limite fissato a 352.000 particelle/m3 che per quelle inferiori a 5 μm con limite fissato a 2930 particelle/m3.

L’IRCSS Galeazzi inoltre sta sperimentando l’impiego di perossido di idrogeno vaporizzato per disinfettare l’ambiente sanitario e ridurre la carica batterica: un nuovo approccio alla lotta contro l’inquinamento ambientale all’interno delle strutture sanitarie.

2017-05-03T17:41:51+00:00Sanita'|