LAMIERA 2019 È PRONTA PER L’ANNO DELLA CONFERMA

Dopo il successo del debutto a Milano nel 2017, quest’anno la mostra è molto cresciuta per numero di imprese e metri di esposizione, al punto da occupare un padiglione in più, il Pad 18.

LAMIERA su Magazine Qualità

A meno di due mesi dall’apertura di LAMIERA 2019 sono oltre 450 le imprese iscritte alla manifestazione che, in scena a Fiera Milano Rho dal 15 al 18 maggio, metterà in mostra il meglio dell’industria delle macchine utensili per la deformazione, il taglio e la lavorazione della lamiera insieme delle tecnologie innovative legate al comparto.

L’elenco delle imprese che hanno già aderito alla mostra, disponibile sul sito lamiera.net, riserva non poche novità: se si considera il numero degli espositori diretti, in crescita del 10%, ad oggi, il 27% degli iscritti è costituito da imprese alla prima partecipazione a LAMIERA o che ritornano dopo svariate edizioni.

La superficie opzionata per LAMIERA 2019 è pari al 30% in più rispetto alla metratura opzionata nel marzo 2017 per l’edizione precedente; ed è già comunque superiore alla metratura finale raggiunta dall’edizione scorsa, che fece il suo debutto a Milano riscuotendo notevole successo di pubblico. Il trend positivo registrato dalle ultime due edizioni dimostra come il passaggio a Milano abbia permesso a LAMIERA di ingrandirsi e strutturarsi.

Macchine, impianti, attrezzature per la lavorazione di lamiere, tubi, profilati, fili, carpenteria metallica, presse, stampi, saldatura, trattamenti e finitura, subfornitura tecnica, fastener sono alcune delle tecnologie “tradizionali” in mostra. Ad esse si aggiunge l’ampia e variegata offerta di robot, automazione, tecnologie abilitanti. Con una scelta così ampia LAMIERA è realmente il luogo dove le idee prendono forma, parafrasando lo slogan scelto per l’edizione 2019.

Unico appuntamento espositivo in Italia dedicato al comparto, LAMIERA richiama visitatori di tutti i principali settori utilizzatori che qui trovano risposta a tutte le esigenze, da quelle più semplici a quelle più complesse.

Non a caso a LAMIERA espongono grandi e piccoli costruttori, italiani e esteri, imprese specializzate nella produzione di impianti complessi e sistemi automatizzati ma anche aziende focalizzate sulla realizzazione di macchine singole e tecnologie per la fabbrica tradizionale. Intorno al mondo del taglio laser, rappresentato in modo completo ed esaustivo, vi è un’ampia offerta di tecnologia per la saldatura e il trattamento delle superfici. Alla ricca e variegata offerta di presse si affiancano stampi, macchine e utensili, attrezzi  per la carpenteria metallica e sistemi fasteners.

Inoltre, accanto ai professionisti delle lavorazioni del tubo e del piano, da sempre vi sono anche gli esperti nella lavorazione di lamiera metallica e di materiali innovativi. E poi uno spazio particolare è dedicato alle soluzioni Industria 4.0 per la fabbrica digitale e al mondo della robotica e degli integratori, la cui presenza nelle fabbriche che lavorano lamiera è sempre più diffusa.

Questo mix di diversità permette di soddisfare ogni esigenza tecnologica ed economica dell’utilizzatore. Per questo LAMIERA è il luogo giusto per tutti gli operatori del settore: per chi vuole investire in grandi impianti ma anche per chi ha necessità di rinnovare o ampliare la propria officina scegliendo la macchina più adatta alla propria esigenza.

Promossa da UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione, e organizzata da CEU-CENTRO ESPOSIZIONI UCIMU, LAMIERA affianca all’esposizione tradizionale numerose aree di innovazione distribuite tra i tre padiglioni occupati dall’evento. Oltre al 13 e 15 da quest’anno si aggiunge il Padiglione 18 definito Padiglione dell’Innovazione.

Nel padiglione 18 i visitatori troveranno ROBOT PLANET, area dedicata ad ospitare robot industriali, integratori, sistemi di automazione, di controllo e visione, e soluzioni per asservimento delle macchine. Promossa da SIRI, l’Associazione Italiana di Robotica e Automazione, l’area nasce come risposta alla diffusione sempre più spinta della robotica e dell’automazione nelle fabbriche che lavorano e trattano la lamiera e i metalli. E del resto non potrebbe essere altrimenti considerando quanto i robot stiano profondamente cambiando l’ambiente e le modalità di lavoro ridefinendo gli standard qualitativi dei prodotti e processi industriali. Accanto troverà spazio SALDATECH, la cui presenza nasce dall’esigenza di dare giusta visibilità ad un nutrito numero di imprese che operano nel segmento della saldatura considerata tra le più importanti tecnologie per la giunzione della lamiera e che hanno deciso di essere presenti a LAMIERA.

Sempre al padiglione 18 ci sarà Fastener Industry, lo spazio dedicato ai produttori di viti, bulloni, sistemi di serraggio e fissaggio che ospita le imprese di un settore in cui l’Italia eccelle, occupando in Europa la seconda posizione tra i produttori e la terza tra i consumatori.

Del resto, macchinari, automotive, aerospace, trasporti, arredamento e design, elettrodomestici e costruzioni sono i principali settori clienti di Fastener in Italia, settori tutti rappresentati tra gli espositori e i visitatori di LAMIERA: ecco perché la manifestazione è appuntamento di interesse per gli operatori di questo comparto che hanno confermato, per la terza edizione consecutiva, la loro presenza alla mostra.

Completa il quadro del padiglione 18 l’area ECOCOATECH, dedicata al mondo della verniciatura e dei trattamenti e realizzata in collaborazione con Anver, associazione verniciatori industriali. ECOCOATECH presenterà tutti i processi interoperazionali più innovativi per la verniciatura della lamiera.

Nei padiglioni 13 e 15 – accanto alle tecnologie più direttamente riconducibili al comparto quali, taglio, trattamento, deformazione, lavorazione della lamiera e tecnologie connesse – sarà invece possibile visitare i player di FABBRICAFUTURA, le tecnologie del mondo digitale e gli operatori della subfornitura tecnica e dei servizi all’industria, riuniti, come da tradizione, nell’area BLECH ITALY SERVICE, ormai un must delle ultime edizioni di LAMIERA. E del resto, non potrebbe essere altrimenti considerata l’evoluzione del manifatturiero che sceglie modelli di produzione sempre più ibridi, conciliando realizzazione in fabbrica e esternalizzazione di alcuni processi produttivi. Con Blech Italy Service, LAMIERA propone un percorso di visita parallelo e alternativo a quello del make per i costruttori: il Buy dei fornitori di lavorazioni e servizi per chi acquista prestazioni e prodotti semi-lavorati.

“Quello che ci aspettiamo – ha dichiarato Alfredo Mariotti, direttore della manifestazione – è di superare il risultato già molto positivo del 2017, facendo crescere ulteriormente l’evento espositivo. Per fare questo prosegue il lavoro sui settori tradizionali, che rappresentano il cuore della mostra e che sembrano molto ben predisposti anche perché, la domanda italiana di macchine utensili viaggia ancora su livelli decisamente elevati e si confermerà, nel 2019, sui livelli del 2018, considerato anno dei record per il comparto”.

“D’altra parte – ha aggiunto Alfredo Mariotti – in linea con la grande trasformazione che interessa l’intera industria mondiale, LAMIERA presenterà l’offerta di tecnologie per la fabbrica integrata, proponendo il meglio della produzione internazionale di macchine stand alone e di impianti complessi e completando l’esposizione con un’ampia panoramica su sistemi di automazione, robotica e tecnologie legate al mondo digitale”.

L’unicità dell’evento e le numerose iniziative a corollario rendono la manifestazione appuntamento imprescindibile per le imprese del settore: per i grandi costruttori italiani e esteri di macchine, robot e automazione, per le PMI specializzate nelle soluzioni supercustomizzate, per i contoterzisti, per gli specialisti di accessori e tecnologie ausiliarie ma anche per i player del mondo digitale e della consulenza, la cui presenza cresce all’interno del settore.

L’ampia offerta in mostra non sarà l’unico motivo di richiamo per i visitatori. LAMIERA proporrà, infatti, la speciale iniziativa LAMIALAMIERA, un calendario di incontri di approfondimento a cura di espositori e organizzatori che accompagnerà la manifestazione per l’intera sua durata. Organizzati per tematiche, gli incontri di 20 minuti ciascuno, saranno ospitati in uno speciale spazio allestito in forma di arena convegni all’interno di uno dei padiglioni espositivi.

“L’idea – ha concluso Alfredo Mariotti – è quella di offrire agli espositori, a titolo completamente gratuito, un’occasione ulteriore di promozione fuori dal proprio stand. Ma l’intento è anche quello di proporre ai visitatori momenti di approfondimento tecnico-culturale che possano valorizzare ancor di più la loro presenza in fiera”.

LAMIALAMIERA

LAMIALAMIERA, lo spazio arena allestito all’interno del padiglione 18 che vive per tutti i giorni di fiera e propone incontri, confronti a due, performance, speech di approfondimento a cura degli organizzatori e degli espositori.

Grande novità di questa edizione è LAMIALAMIERA, lo spazio arena, allestito all’interno del padiglione 18, che vive per tutti i giorni di fiera e propone: incontri, confronti a due, performance, speech di approfondimento a cura degli organizzatori e degli espositori.

Patrocinata da Fondazione UCIMU e con la partecipazione di Accademia Lambda, l’arenaLAMIALAMIERA proporrà un ricco programma di micro eventi, della durata di 20 minuti ciascuno, pensati per catturare l’attenzione dei visitatori presenti e offrire un primo approfondimento sulle tecnologie in mostra e sulle tematiche di maggior interesse per chi opera nel settore.

Leonardo da Vinci, il genio e le macchine.

A cinquecento anni dalla scomparsa, il mito di Leonardo da Vinci, artista, studioso, scienziato, architetto, ingegnere è più vivo che mai. Le sue opere, afferenti a tutti gli ambiti del sapere, dimostrano la curiosità e l’ecclettismo del Genio vinciano che immaginava le macchine e, in generale l’opera dell’uomo, come estensione della “perfezione ingegneristica della natura”. Tra le sue innumerevoli specializzazioni, la meccanica può ben considerarsi la scienza sua prediletta, al punto che, nel corso della sua vita – ci ricordano gli studiosi – elaborava disegni spesso non motivati da commissioni o incarichi ma soltanto dal desiderio di migliorare, perfezionare, inventare.

Infaticabile sperimentatore, non può stupire che fra tante intuizioni ve ne siano alcune sbagliate, e poco importa se si dirà che le sue invenzioni sono rimaste progetti. Leonardo da Vinci aveva una conoscenza approfondita della meccanica, come testimoniato dalla moltitudine di disegni tecnici raccolti nei Codici. Molto del suo genio fu dedicato alla progettazione delle macchine utensili precorritrici delle odierne tecnologie di produzione.

Tra le macchine più simili al concetto di sistema di produzione dell’epoca moderna e contemporanea sono: le macchine per torcere e battere il ferro, quelle pensate per filettare, per laminare il metallo e restituirlo in fogli omogenei ma anche il tornio, la sega circolare e alcuni sistemi di automazione e robotica. In questo senso Leonardo Da Vinci può essere considerato a tutti gli effetti un precursore dei moderni costruttori di macchine utensili e, per questo, a lui è dedicata, nell’ambito di LAMIERA, la speciale mostra “Leonardo da Vinci uno di noi” promossa da FONDAZIONE UCIMU.

Attraverso un percorso guidato, la mostra propone una rassegna ragionata che comprende anche progetti di macchine per la deformazione e di sistemi di robotica espressione del Genio vinciano, a sottolineare lo stretto parallelismo con le moderne tecnologie esposte nei padiglioni della manifestazione. Le riproduzioni dei disegni leonardeschi stupiranno i visitatori di LAMIERA per “l’attualità” del contenuto progettuale, mostrando al pubblico il valore dell’Uomo che seppe, per primo, attribuire all’evoluzione degli strumenti di lavoro, l’importanza che oggi le è comunemente riconosciuta.

A Leonardo, nostro antenato, padre della tecnica, genio italiano, i costruttori di macchine utensili, robot e automazione guardano con l’ammirazione e la soggezione di chi sa che “da lì” tutto ha avuto origine. A lui i costruttori si ispirano per la realizzazione delle loro soluzioni, secondo lo spirito, tipicamente italiano, di chi fa della creatività applicata la cifra del proprio operato.

A Leonardo da Vinci uno di noi è dedicata la mostra che vi attende a LAMIERA.

COMUNICAZIONE A CURA DI

UCIMU su Magazine Qualità

2019-03-26T10:38:16+01:00Eventi, In evidenza|