Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Progetto ATLETE II

Si è tenuto il 7 ottobre presso la Camera di Commercio di Milano, in collaborazione con ENEA (l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), la presentazione del progetto Atlete II (Appliance testing for washing machinces energy label & ecodesign evaluation) sulla conformità delle etichette energetiche per le lavatrici.

All’incontro era presente anche l’Istituto Italiano del Marchio di Qualità IMQ, unico laboratorio di prova italiano selezionato per la verifica dei requisiti delle lavatrici ispezionate dal progetto Atlete II.

Il progetto, co-finanziato dal programma comunitario Intelligent Energy Europe, è stato realizzato da un consorzio di undici partner provenienti da otto Stati Membri.

Il progetto ATLETE II “Appliance Testing for Washing Machines Energy Label & Ecodesign Evaluation” ha verificato sia la conformità di 50 modelli di lavatrici domestiche, sia i requisiti dell’etichettatura energetica e dell’ecodesign dal punto di vista dei parametri tecnici, della correttezza dei valori dichiarati sull’etichetta e delle informazioni da riportare sul libretto istruzioni o da fornire obbligatoriamente al consumatore.

I principali risultati sono:

100% di conformità delle dichiarazioni relative alla classe di efficienza energetica e al consumo di energia dell’etichetta energetica
100% di conformità ai requisiti minimi di ecodesign per il consumo di acqua ed energia
92% di conformità globale per le prestazioni funzionali e i relativi parametri
84% di conformità globale delle informazioni riportate sulla scheda di prodotto (per l’etichettatura energetica) e sul libretto istruzioni (per ecodesign)
64% di conformità all’identificazione dei programmi standard sulle singole macchine
38% di conformità per le informazioni da riportare obbligatoriamente sul libretto istruzioni
30% di conformità considerando tutti i singoli parametri.

Il progetto ATLETE II ha verificato, tra l’altro, sia il livello di conformità delle etichette per le lavatrici disponibili al consumatore al momento dell’acquisto all’interno del Mercato Unico Europeo, sia le caratteristiche tecniche di questi apparecchi, incluse la loro efficienza energetica e le loro prestazioni funzionali.

I consumatori possono perciò essere sicuri, in tutta Europa, delle qualità tecniche e prestazionali pubblicizzate al momento dell’acquisto di questo elettrodomestico.

E’ stata anche evidenziata la necessità di migliorare alcune delle informazioni da parte dei produttori

Queste sono le principali conclusioni del lavoro di due anni di un consorzio di undici partner sulla verifica pan-europea della conformità delle lavatrici ai requisiti di etichettatura energetica e di ecodesign.

Gli undici partner del progetto includono Agenzie per l’energia, Associazione dei produttori, Autorità di sorveglianza del mercato, Associazione dei consumatori, Università ed esperti indipendenti.

Tuttavia un certo numero di modelli non ha superato l’intero processo di verifica: alcuni apparecchi non sono risultati conformi ad almeno uno dei parametri tecnici, per altri non sono state fornite tutte le informazioni obbligatorie che il consumatore deve ricevere prima della decisione d’acquisto, o non lo sono state nel formato richiesto.

I risultati delle verifiche sono stati immediatamente comunicati alle Autorità di sorveglianza del mercato dei paesi in cui questi prodotti erano disponibili.

Una parte dei modelli sono stati resi conformi dai rispettivi produttori con delle specifiche azioni correttive di tipo volontario.

I risultati delle prove eseguite su ciascun modello possono essere liberamente consultati all’indirizzo: www.atlete.eu/2

Alcuni dati sugli elettrodomestici:

ci sono 2.000 imprese del settore in Lombardia su circa 13.000 in Italia.

Prime per imprese Roma, Napoli e Milano, per addetti Ancona e Pordenone.

In Lombardia, Milano, Brescia, Varese e Bergamo Milano.

Sono quasi 5.000 le imprese che in Italia si occupano di fabbricazione e vendita (all’ingrosso ed al dettaglio) specializzata di elettrodomestici come frigoriferi, lavatrici e lavastoviglie, cui si aggiungano circa 8.200 imprese del commercio al dettaglio non specializzato.

In Lombardia sono complessivamente circa 2.000 le imprese attive di cui 950 solo nel settore specializzato che conta quasi 11.000 addetti su 45 mila in Italia ed un valore della produzione di 4,6 miliardi di euro su 17 miliardi italiani.

La metà delle imprese specializzate (475) ha sede a Milano con 3.000 addetti e 2,3 miliardi di fatturato.

In Italia Milano è terza dopo Roma (504) e Napoli (488) per numero di imprese specializzate (ma le spetta il primato per la fabbricazione, 121 imprese su 733 in Italia) mentre per numero di addetti è preceduta da Ancona (6.831), Pordenone (5.306), Varese (4.532) e Treviso (3.718).

Napoli è prima per il commercio non specializzato (816 imprese).

Il settore in Lombardia.

Dopo Milano che è prima, vengono Brescia (circa 220 imprese tra specializzate e non) e Varese (circa 150) che è seconda però nel settore della fabbricazione.

Quarta Bergamo con circa 140 imprese tra settore specializzato e non.

2014-12-15T00:41:48+01:00Dicembre 15th, 2014|News|
Torna in cima