Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Prassi di riferimento – Sistemi per la sanificazione degli ambienti indoor

uni sanificazione su magazine qualitàNelle prossime settimane saranno avviati i lavori per realizzare una prassi di riferimento sui requisiti dei sistemi di sanificazione degli ambienti indoor.

Il documento, che sarà sviluppato con esperti dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità) e di Accredia, vuole contribuire a fornire indicazioni per la certificazione volontaria dei sistemi di sanificazione, compresi i generatori “in situ” di sostanze chimiche, ionizzatori/purificatori e altri sistemi affini.

Questi sistemi, sulla base delle circolari del Ministero della salute, pur essendo all’attenzione dell’ECHA (Agenzia europea delle sostanze chimiche), non sono ad oggi autorizzati come biocidi né possono essere qualificati come Dispositivi medici. Possono però essere immessi in commercio come sanificanti sotto la responsabilità dei fabbricanti, conformemente alle disposizioni generali sulla sicurezza dei prodotti (Codice del consumo e D.Lgs. 206/2005).

La futura prassi di riferimento sarà dunque un valido strumento – a disposizione di Autorità sanitarie, Amministrazioni centrali o locali, produttori e finanche utilizzatori finali – in grado di fornire i requisiti generali (esclusi quelli di progettazione) e le fondamentali caratteristiche funzionali di questi sistemi di sanificazione, per i quali verranno individuate specifiche tecniche circa:

  • la classificazione dei dispositivi e la loro tecnologia
  • il campo di applicazione
  • l’efficacia
    la formazione di sottoprodotti
  • la distinzione tra utilizzo domestico e professionale
  • la sicurezza chimica (cioè pericoli/esposizione, caratterizzazione e gestione del rischio)

Verranno inoltre fornite indicazioni di massima in merito alla sicurezza negli ambienti di lavoro (con riferimento al D.Lgs. 81/2008).

Il documento definirà quindi le necessarie attività di valutazione di conformità di terza parte, in particolare per quanto concerne la certificazione di prodotto; la validazione del claim e le asserzioni “pubblicitarie” (anche in ragione di quanto prevede il Codice del Consumo), con eventuale riferimento anche all’utilizzo del Marchio UNI.

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo uni 2022 su magazine qualità
2023-01-05T10:00:49+01:00Gennaio 5th, 2023|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima