Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Oltre gli stereotipi: riflessioni sulla Parità di Genere e l’imminente webinar di TÜV  Italia

TÜV Italia parità genere su Magazine QualitàEsperti del settore hanno recentemente esaminato approfonditamente gli stereotipi di genere e i relativi impatti nel contesto lavorativo, gettando luce su questioni cruciali legate alla parità di genere.

Attraverso una conversazione con Monica Giannoni, formatrice ed esperta di didattica di LAM Consulting SB, che ha collaborato ad alcuni progetti con TÜV Italia, sono emersi spunti significativi che riflettono la complessità delle dinamiche di genere nel mondo professionale.

L’analisi della situazione attuale della parità di genere nel mondo del lavoro in Italia ha rivelato due dimensioni fondamentali: quella strutturale-organizzativa e quella culturale-relazionale. Fenomeni persistenti di segregazione, come il “soffitto di cristallo” e la disparità salariale, sono ancora presenti, evidenziando la necessità di affrontare ostacoli formali e promuovere una cultura aziendale inclusiva.

La riflessione sulla dimensione culturale-relazionale ha portato all’individuazione di dinamiche interpersonali influenzate dagli stereotipi di genere, come il “mansplaining” e il fenomeno delle molestie sessuali, che ancora affliggono l’ambiente lavorativo. La consapevolezza di questi comportamenti diventa essenziale per promuovere un cambiamento culturale profondo e sostenibile.

Monica Giannoni ha sottolineato come i concetti di genere, stereotipi e pregiudizi siano costruzioni sociali e culturali che influenzano comportamenti, doveri e aspettative assegnate ai maschi e alle femmine. La rigidità di tali concetti ha generato pregiudizi radicati, influenzando le scelte di abbigliamento e determinando aspettative rigide per entrambi i sessi.

Per promuovere l’equità di genere, sono necessarie strategie che vanno oltre le misure legislative, coinvolgendo un profondo cambiamento culturale e mentale. La formazione individuale e collettiva è fondamentale per riconoscere e decostruire gli stereotipi di genere che permeano la nostra società.

Un esempio positivo di cambiamento culturale è rappresentato dalla New York Philharmonic, che ha adottato le “blind auditions” per selezionare i musicisti, favorendo la competenza su stereotipi di genere. Questa esperienza dimostra che un ambiente di lavoro equo può essere costruito attraverso azioni concrete.

Il consiglio per i giovani professionisti è di non dare per scontata l’assenza di stereotipi e di sviluppare una consapevolezza critica sui ruoli di genere. La formazione continua è essenziale per promuovere un ambiente di lavoro rispettoso e inclusivo, contribuendo a superare le disuguaglianze di genere ancora presenti. Incentivare l’individuo a riconoscere e avviare il processo di decostruzione degli stereotipi rappresenta un passo determinante verso un cambiamento significativo. Le aziende, essendo microcosmi della società in cui trascorriamo la maggior parte del nostro tempo, svolgono un ruolo fondamentale in questa evoluzione. La promozione di un ambiente privo di pregiudizi permette a ogni individuo di esprimersi in modo autentico, valorizzando la propria unicità e contribuendo al miglioramento del benessere lavorativo.

In conclusione, la conversazione con Monica Giannoni ha evidenziato che il superamento degli stereotipi di genere è un processo complesso, ma cruciale per favorire un ambiente lavorativo in cui ciascuno possa esprimersi in modo autentico, migliorando il benessere collettivo e contribuendo a costruire un futuro più equo e inclusivo.

Webinar TÜV Italia: Certificazione di Parità di Genere e Standard UNI/PDR 125

Inoltre, desideriamo annunciare che il giorno 8 marzo 2024, TÜV Italia organizzerà un webinar di rilevanza, dal titolo “Certificazione di Parità di Genere e Standard UNI/PDR 125”.

L’evento sarà un’opportunità unica per esplorare approfonditamente i temi della parità di genere nel contesto lavorativo, con particolare attenzione alla certificazione di parità di genere e allo standard UNI/PDR 125. Gli esperti di TÜV Italia guideranno la discussione, offrendo un’analisi approfondita e pratici consigli su come implementare tali standard nelle organizzazioni.

Invitiamo tutti a partecipare al  webinar gratuito di TÜV Italia dell’8 marzo 2024, per esplorare ulteriormente la parità di genere e i suoi impatti nel mondo del lavoro.

Per informazioni e registrazione cliccare qui

Comunicazione a cura di TÜV Italia

TÜV Süd su Magazine Qualità

2024-03-07T14:11:08+01:00Marzo 7th, 2024|News|
Torna in cima