La proposta Coldiretti: “prodotti locali nelle mense scolastiche”

Coldiretti-Campagna Amica

Coldiretti: “per la sicurezza alimentare nelle mense scolastiche è necessario che tutti i prodotti siano di qualità e tracciabili

Sollecitare le amministrazioni locali ad acquistare i prodotti necessari alle mense dalle aziende liguri in grado di fornire prodotti del territorio di qualità più elevata, maggiormente controllati e di conseguenza più sicuri.

Lo chiede Coldiretti Liguria dopo  che il Comune di Genova, a seguito dell’emergenza uova scoppiata quest’estate in Italia quando, su un numero elevato di campioni erano state trovate alte percentuali di Fipronil (un potente insetticida), aveva emanato un provvedimento precauzionale, valido fino allo scorso 2 ottobre con il quale imponeva di escludere completamente le uova dai menù delle mense scolastiche (asili nido, scuole materne, elementari e medie).

La Coldiretti prende atto della scelta fatta dal Comune di eliminare le uova dai menù, dopo l’avvenuto rilevamento di prodotti non adeguati e pericolosi per la salute umana, soprattutto per i bambini, – afferma Enzo Pagliano, Direttore Regionale di Coldiretti Liguriatuttavia vorremmo sollecitare le Amministrazioni Locali a rivolgersi, per gli acquisti dei prodotti necessari alle mense, ad aziende liguri che forniscono prodotti del territorio di qualità più elevata, maggiormente controllati e di conseguenza più sicuri. Si potrebbe prevedere che nei prossimi bandi di appalto per il servizio mensa, sia assegnato un punteggio più alto a coloro che usano tali prodotti. Il progetto di Campagna Amica ha una rete di aziende che producono prodotti di alta qualità costantemente controllati e sono in grado di fornire tutte le tipologie di alimento necessarie a garantire un menù sano e completo“.

Per la sicurezza alimentare è necessario che tutti i prodotti siano di qualità e tracciabili. Ciò è reso possibile dai controlli e dall’etichettatura dei prodotti ormai obbligatoria per la maggior parte dei essi.

A maggior ragione, in un alimento indispensabile per la dieta, come l’uovo, la qualità deve essere garantita, ma in questo caso l’etichettatura è, a volte, ancora non facilmente codificabile. Ogni uovo destinato al consumo diretto deve avere sul proprio guscio un codice stampato, tramite il quale è possibile risalire a tutte le informazioni principali che ne permettono la tracciabilità e il rapido recupero delle informazioni sulla filiera produttiva.

L’unico modo per essere sicuri del prodotto acquistato è rivolgersi ad aziende che garantiscono la massima trasparenza sulla produzione e vendita dei prodotti” conclude la Coldiretti.

2017-10-10T11:36:25+00:00 News|