Approvata la legge sul Whistleblowing

Via libera definitivo dell’Aula della Camera alla legge sul Whistleblowing

che sostiene anticorruzione, legalità e trasparenza

La legge, approvata nello scorso mese di novembre 2017, integra la normativa sulla tutela dei lavoratori del settore pubblico che segnalino illeciti e al tempo stesso introduce forme di tutela anche per i lavoratori del settore privato.

Whistleblower è chiunque testimoni un illecito o un’irregolarità sul luogo di lavoro, durante lo svolgimento delle proprie mansioni, e decida di segnalarlo a una persona o ad un’autorità che possa agire efficacemente al riguardo. Egli svolge un ruolo di interesse pubblico, dando conoscenza, se possibile tempestiva, di problemi o pericoli all’ente di appartenenza o alla comunità. Con il termine whistleblowing si identificano le attività di regolamentazione e le procedure volte a incentivare e proteggere tali segnalazioni.

Per chi segnala reati o irregolarità nel lavoro pubblico o privato, a partire da casi di corruzione, la nuova legge prevede una tutela dell’identità oltre alla garanzia di nessuna ritorsione sul lavoro e tantomeno di atti discriminatori.

In particolare, il dipendente, pubblico o privato, che segnala all’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC), o denuncia all’autorità giudiziaria condotte illecite, di cui sia venuto a conoscenza grazie al proprio rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito o sottoposto ad altra misura organizzativa che potrebbe avere effetti negativi. Inoltre non hanno nessun valore eventuali atti discriminatori o ritorsivi adottati dal datore di lavoro.

L’identità del segnalante non può essere rivelata. Spetterà al datore di lavoro dimostrare che le misure discriminatorie siano motivate da ragioni estranee alla segnalazione da parte del dipendente.

Ricordiamo che il meccanismo di whistleblowing è previsto anche dalla normativa UNI ISO 37001, Sistemi di Gestione Anticorruzione; quest’ultima prevede l’attuazione di apposite procedure che consentano, tra l’altro, la segnalazione in forma anonima e proteggano il whistleblower.

Bureau Veritas è accreditata proprio per il rilascio di questa Certificazione e offre inoltre specifica formazione in materia anticorruzione, modulata per soddisfare le diverse esigenze: dal corso introduttivo di una giornata, al corso per internal auditor di 2 giornate sino ad arrivare al corso completo di 5 giorni per Lead Auditor anticorruzione, qualificato CEPAS.

2017-12-05T14:53:26+00:00 News|