LA COMMISSIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI IN VISITA ALLO STABILIMENTO PORSCHE AG DI ZUFFENHAUSEN

Josef Nierling e Gregor Grandl della società di consulenza Porsche Consulting hanno presentato alla delegazione italiana, presieduta dall’on. Guglielmo Epifani, la “formula Porsche” per la digitalizzazione delle aziende italiane.

Italian Commission visits Porsche in Stuttgart, Germany, on May 30, 2016. (c) 2016 Thomas Kienzle

 

Stoccarda. Si è tenuta questa mattina la visita, presso lo stabilimento Porsche di Zuffenhausen, che la Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati ha effettuato nell’ambito di un’indagine conoscitiva sull’Industria 4.0.

A margine della visita l’on. Guglielmo Epifani, Presidente della Commissione, ha dichiarato: 

“La Commissione Attività produttive ha approfondito in questi mesi a livello nazionale e internazionale tutti i temi inerenti la digitalizzazione dell’industria. Le esperienze della Germania risultano tra le più avanzate in ambito europeo nella creazione di un modello Industria 4.0 integrato tra istituzioni, ricerca, imprese e parti sociali, cui l’Italia è particolarmente attenta per l’importanza della sua industria manifatturiera. Porsche Consulting, intervenuta in audizione presso la Commissione nello scorso mese di febbraio, ha destato l’interesse per una visita diretta degli stabilimenti tedeschi che già operano secondo modelli organizzativi digitalizzati. L’innovazione tecnologica rappresenta un fattore determinante per lo sviluppo e la competitività dell’Italia. L’obiettivo può essere realizzato solo attraverso un lavoro di squadra che coinvolga istituzioni, università e ricerca, imprese e parti sociali ”

La delegazione italiana ha preso visione del processo di digitalizzazione messo in atto all’interno degli stabilimenti dell’azienda automobilistica tedesca. A guidarli sono stati gli ingegneri di Porsche Consulting, la società di consulenza che fa parte del Gruppo.

Josef Nierling, Amministratore Delegato della sede italiana di Porsche Consulting, ha dichiarato:

“La visita della Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati ci rende orgogliosi e fiduciosi che in Italia si possano creare le migliori condizioni per la digitalizzazione delle aziende. In questo processo, le industrie sono i primi attori e le istituzioni rivestono un ruolo fondamentale nell’accelerare questa importante evoluzione. Importare casi di eccellenza di settori come l’automotive, che hanno anticipato il ricorso a modelli organizzativi digitalizzati, può essere determinante per un rapido avvio dell’Industria 4.0 nelle aziende italiane. L’introduzione di questo nuovo modo di lavorare rappresenta un passaggio obbligato per il nostro tessuto industriale – ha concluso Nierling – per essere competitivi e far crescere l’economia italiana”.

Gregor Grandl, Partner in Porsche Consulting e responsabile nel Gruppo della Digital Transformation, afferma:

“Il contesto per la diffusione dell´Industria 4.0 in Italia e Germania è buono. Abbiamo collaboratori ben qualificati e molte imprese vedono nella digitalizzazione una chance per supportare la loro crescita. Alle aziende spesso manca solamente una chiara “agenda digitale“ e l´esperienza su come approcciare questo nuovo tema”.

Porsche Consulting ha sviluppato sui temi di Industry 4.0 un’esperienza concreta che deriva dal suo duplice ruolo di supporto nella transizione digitale, sia all’interno del gruppo a favore della casa automobilistica, sia all’esterno, rivolgendosi alle aziende operanti in molteplici settori economici.

Porsche Consulting GmbH è un’affiliata della casa automobilistica Dr.-Ing. h.c. F. Porsche AG di Stoccarda. Alla fondazione, nel 1994, contava su quattro collaboratori mentre attualmente, a distanza di 22 anni, ne impiega circa 400. La società, che agisce a livello internazionale, possiede quattro affiliate, con sedi a Milano, San Paolo, Atlanta e Shanghai. Porsche Consulting è una delle principali società di consulenza in Germania. Gli esperti offrono la loro consulenza in tutto il mondo alle grandi e medie imprese nel settore automobilistico, aerospaziale, nell’industria meccanica e nell’impiantistica. Altri clienti provengono dal settore dei servizi, dall’industria dei beni di consumo e retail.

 

2016-05-30T13:26:56+01:00Maggio 30th, 2016|Manifatturiero|
Torna in cima