Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

ISO 9001 e UNI 10865 per le Terme di Margherita di Savoia con CSQA

Terme di Margherita di Savoia su Magazine QualitàDoppio traguardo di qualità per le Terme di Margherita di Savoia (Barletta-Andria-Trani) che ottiene la certificazione CSQA ISO 9001 e UNI 10865.

«La certificazione UNI 10865 – riporta una nota – si rivolge agli stabilimenti termali e in particolare ai servizi da questi erogati, dalle cure a comprovato effetto terapeutico ai trattamenti con fanghi, dalle terapie irrigatorie a quelle inalatorie, all’assunzione di acque minerali. Lo stabilimento termale pugliese, convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale, si trova tra il mare e le saline più grandi d’Europa; un luogo di vacanza e cura grazie alla qualità dei fanghi e delle acque adoperati nello stabilimento termale per la prevenzione e la cura di numerose patologie. I fanghi maturano attraverso il contatto prolungato per decenni con le Acque Madri nelle vasche delle Saline e viene mineralizzato dalla deposizione dei sali in esso contenuti. Anche le acque termali utilizzate (classificate come acque salso-bromo-solfo-iodiche) provengono dai bacini delle saline e sono efficaci nella prevenzione e cura di diverse patologie delle vie respiratorie, dell’orecchio, dermatologiche, ginecologiche, dell’apparato osteoarticolare».

«La qualità delle cure termali – continua la nota – è un argomento di estrema importanza, in un settore strategico che si inserisce tra la salute del cittadino e la valorizzazione del patrimonio turistico e ambientale. La norma UNI 10865 stabilisce i requisiti che deve soddisfare il servizio offerto dagli stabilimenti termali. Nella norma sono evidenziati i servizi fondamentali da garantire al cliente (accoglienza, ammissione alle cure), le informazioni preliminari, le modalità di comportamento durante la cura e l’iter per il trattamento estetico/curativo personalizzato. Inoltre, sono identificate le figure professionali coinvolte. Oltre a coadiuvare la credibilità e la fiducia del cliente finale nei confronti dell’azienda, la certificazione del Servizio “Cure Termali” permette all’azienda di monitorare ed efficientare processi e costi, migliorare la gestione interna e dimostrare al mercato la conformità del proprio servizio ai requisiti di legge in modo chiaro, oggettivo e tangibile».

Le strutture termali possono essere accreditate presso la Regione quali strutture sanitarie. Un Sistema di Gestione certificato da ente terzo per le norme ISO 9001 ed UNI 10865 permette alla struttura di dotarsi di procedure adeguate e attuare un monitoraggio continuo.

«La certificazione è per il cliente – dichiara Marina Lalli, amministratore unico di Terme Di Margherita di Savoia, Vicepresidente nazionale di Federterme e Presidente Nazionale di Federturismo – un importante assicurazione della qualità dei servizi offerti da una azienda e per quest’ultima invece è la possibilità di validare gli standard dei propri processi adottati, ispirandosi ai principi del miglioramento continuo. La nostra azienda, grazie anche alla crescita del turismo termale, medicale e del benessere è ormai orientata al mercato globale al quale ci rivolgiamo per l’erogazione dei nostri servizi. Tale mercato è sempre più complesso, competitivo ed esigente. Pertanto, solo le realtà più attente, quelle cioè che sono in grado di capire i propri limiti e si mettono al lavoro attivamente e concretamente per superarli, sono destinate a distinguersi e a collezionare importanti successi in termini di affluenza e gradimento da parte della clientela».

«Il Covid-19 – conclude – ha contribuito in particolar modo ad accelerare lo sviluppo del turismo medicale e più nello specifico ha portato a dover dimostrare la capacità di resilienza e di adattamento. La nostra realtà ha dimostrato di possedere tali doti, realizzando nel 2021 un protocollo riabilitativo post-Covid 19 anche in convenzione con il SSN. Grazie a tale protocollo abbiamo avuto la capacità di offrire una pronta risposta alle necessità emerse a seguito dello sviluppo della pandemia che ci ha colpito duramente. Continueremo pertanto a lavorare su tutti quei profili organizzativi che portano ad una reale e tangibile soddisfazione del cliente».

2022-04-13T11:53:48+01:00Aprile 13th, 2022|News|
Torna in cima