ISO 9001:2015 con Certiquality alla centrale unica di committenza di Montemurlo

Il Comune di Montemurlo, in quanto ente capofila della centrale unica di committenza per Montemurlo, Poggio a Caiano e Carmignano, ha ottenuto la certificazione di qualità ISO 9001:2015 con Certiquality.

Un risultato che è un’eccellenza a livello nazionale, perché solo altre tre analoghe strutture in Italia hanno ottenuto il riconoscimento che certifica la qualità e la professionalità del servizio

Montemurlo, in quanto ente capofila della Centrale Unica di Committenza dei Comuni di Montemurlo, Poggio a Caiano e Carmignano, è il quarto Comune in Italia e il secondo in Toscana ad ottenere la certificazione di qualità ISO 9001:2015 per l’unità organizzativa gare. Un risultato che rappresenta un’eccellenza a livello nazionale, infatti, attualmente sono solo tre le strutture di tipo associato che si possono fregiare dell’importante certificazione: la Città di Saronno, ASMEL Consortile in Campania e Rosignano Marittimo in Toscana.

Il riconoscimento è stato attribuito da Certiquality secondo la norma UNI ISO 9001:2015, ha validità triennale sul territorio dell’Unione Europea, e riguarda il processo di acquisizione di beni, servizi e lavori per il Comune di Montemurlo, Carmignano e Poggio a Caiano.

La Centrale Unica di Committenza è stata istituita nell’aprile del 2016 tra i Comuni di Montemurlo, Poggio e Carmignano e fa capo all’ufficio gare — contracting e contenzioso del Comune di Montemurlo, ente capofila, che si occupa di effettuare gare complesse per i Comuni associati.

«La certificazione ottenuta dalla nostra Centrale unica di committenza dimostra la qualità e la professionalità del nostro personale che ha lavorato con impegno e passione per raggiungere questo importante traguardo. La certificazione è uno standard riconosciuto a livello europeo che ha l’obbiettivo di offrire maggiori garanzie di professionalità ed efficienza per le amministrazioni del territorio e per i cittadini. – sottolinea il sindaco del Comune di Montemurlo, Mauro Lorenzini – Gare e appalti rappresentano materie molto delicate e complesse, che implicano continui aggiornamenti e importanti responsabilità nei procedimenti. Questa certificazione dimostra che i nostri uffici hanno fatto un ottimo lavoro, nonostante i limiti e le complicazioni del Codice degli appalti che secondo me andrà rivisto al più presto nell’ottica della semplificazione delle procedure».

Nonostante l’ufficio sia costituito soltanto da tre persone riesce a gestire gare relative a servizi, forniture e lavori di rilevante entità, si pensi, ad esempio, che quest’anno è stata affidata una gara da 5 milioni di euro relativa alla refezione scolastica. A dispetto di quanto possa sembrare in apparenza le attività della Centrale di Committenza non si limitano alla mera esecuzione della pubblicazione della gara ma arrivano fino alla procedura dei controlli e a alla stipula dei contratti.

Il percorso della certificazione della Centrale unica di committenza è stato avviato lo scorso anno ed ha comportato un grande lavoro dal punto di vista amministrativo, che ha consentito di conoscere al meglio le procedure interne per arrivare all’ottenimento del riconoscimento in tempi rapidi.

« La certificazione garantisce per le imprese e per i cittadini il rispetto di tutte le norme nazionali, regionali e locali in un’ottica di correttezza delle procedure e del rispetto della normativa anti-corruzione. Ringrazio il personale dell’ufficio Cuc che si è dedicato anima e corpo per il raggiungimento di questo traguardo», conclude il segretario generale Vera Aquino, dirigente del servizio.

2018-12-12T16:52:01+00:00News|