ISO 45001 Safim con TÜV SUD

Safim, società partecipata da Ambienta, tra le prime aziende in Europa ad ottenere la nuova certificazione ISO 45001 per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro.

Ambienta SGR, il più grande fondo europeo di private equity focalizzato sulla sostenibilità, annuncia che la partecipata Safim S.p.A. è una delle 5 società italiane, e tra le prime 100 in Europa, ad aver ottenuto la nuova certificazione ISO 45001 per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro tramite l’ente di certificazione TÜV SUD.

Secondo l’International Labour Organisation oltre 7.600 persone perdono la vita ogni giorno a causa di incidenti sul posto di lavoro o malattie legate al lavoro, mentre infortuni e malattie hanno ricadute significative sia per i datori di lavoro sia per il sistema economico in generale (fonte). La certificazione ISO 45001 è stata sviluppata nel 2018 con l’obiettivo di fornire ai datori di lavoro un quadro di riferimento per migliorare la sicurezza dei dipendenti, ridurre i rischi sul posto di lavoro e creare condizioni di lavoro migliori e più sicure.

La prestigiosa certificazione arriva a compimento di un percorso sviluppato da Ambienta negli ultimi 15 mesi volto a rafforzare le competenze ed i processi aziendali, portato avanti con l’ingresso di Pietro Santoro come nuovo CEO in supporto alla famiglia fondatrice Mamei, con l’obiettivo di proiettare Safim in una nuova fase della sua storia di crescita. Questo riconoscimento testimonia il successo e le potenzialità dell’approccio ‘ESG in Action’, una metodologia proprietaria sviluppata da Ambienta, che integra nell’operatività quotidiana fattori di investimento responsabile relativi alle tematiche ambientali, sociali e di governance.

Tale percorso si è articolato su diverse iniziative, fra cui l’introduzione di un sistema di pianificazione della produzione integrato per ottenere una disponibilità del 100% delle materie prime e l’introduzione di un sistema di world class manufacturing volto a raggiungere oltre il 90% di efficienza operativa abbattendo del 90% il backlog nelle consegne. Ambienta ha rafforzato la struttura organizzativa attraverso la nomina di un nuovo CEO, un CFO e un membro indipendente del CdA, la revisione dell’organigramma con la ridefinizione di ruoli e responsabilità e l’istituzione di un sistema di incentivi basato sulle performance aziendali e personali che coinvolge circa un quarto dei dipendenti.

I miglioramenti organizzativi sono stati affiancati da altre iniziative finalizzate a migliorare la vita privata delle persone che lavorano in Safim, tra cui la sponsorizzazione di campi estivi per i figli dei dipendenti e il sostegno della parrocchia locale in numerose iniziative svolte in una zona periferica di Modena.

Tutte queste iniziative hanno permesso all’azienda di liberare capacità produttiva con una crescita dell’output giornaliero dei suoi componenti idraulici energy-efficient di oltre il 100% negli ultimi 12 mesi (quasi senza investimenti), ricavi in crescita da €28 milioni nel 2016 a oltre €50 milioni nel 2018, forza lavoro in crescita del 50% a dicembre 2018 ed un aumento della redditività. Anche gli indicatori ambientali, come il consumo di gas e acqua per ora-uomo, sono migliorati del 30% negli ultimi 12 mesi.

Francesco Lodrini, Partner di Ambienta, ha commentato: “Siamo felici che Safim abbia ottenuto questo riconoscimento. Dal giorno del nostro investimento, abbiamo lavorato a stretto contatto con il management e tutte le persone in Safim per supportare l’azienda nella realizzazione del suo potenziale tramite ottimizzazioni operative e strategiche. Questo riconoscimento dimostra una volta in più come il nostro programma ‘ESG in Action’ sia in grado di abbinare la creazione di valore per tutti gli stakeholders al miglioramento della performance finanziaria.”

2019-01-18T13:53:13+01:00Gennaio 18th, 2019|News|
Torna in cima