Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

I professionisti di Get It Fair

Get_It_Fair_4c_OrIl proprietario del programma Get It Fair dedicato allo sviluppo sostenibile delle organizzazioni ha creato uno schema di certificazione chiamato “GIF AP Credentialing System”. Questo schema è rivolto ai professionisti che desiderano attestare le proprie competenze nei vari ambiti organizzativi.

Il programma Get It Fair (GIF) è uno strumento dedicato alle Organizzazioni che intendono rendere evidente al mercato il proprio impegno allo sviluppo sostenibile e permette di divulgare informazioni accurate e affidabili sugli aspetti e rischi di natura non finanziaria, denominati ESG (Environmental, Social, Governance) secondo schemi di rating suddivisi in 5 dimensioni: Governance and Management System, Social, Environment, Health and Security, Business Ethics.

Negli ultimi periodi l’ambito normativo e legislativo nazionale ha iniziato a prendere in considerazione il programma GIF; ne sono un esempio l’accesso facilitato ai finanziamenti pubblici previsti dal PNRR e la possibilità di ottenere dei punteggi premianti nelle gare di appalto relative ai CAM Edilizia (Decreto 23 giugno 2022), che richiama esplicitamente il programma GIF.

Lo schema per i professionisti

La complessità del programma e le conoscenze multidisciplinari richieste nell’approccio al GIF inducono le Organizzazioni ad avvalersi di professionisti e consulenti altamente qualificati al fine di esplicitare al meglio i requisiti ESG. A tal fine, lo Scheme Owner di Get It Fair ha sviluppato uno schema di certificazione denominato “GIF AP Credentialing System” specifico per i professionisti che intendono dimostrare le proprie competenze negli specifici ambiti dell’organizzazione. Ricordiamo che la sigle AP indica “Approved Professional” e AP TE indica “Approved Professionale Technical Expert”.

Lo schema individua i seguenti profili professionali:

  • GIF AP Practitioner (& Internal Auditor): credenziale per professionisti (Manager, Consulenti, ecc.) che denota la competenza nel definire e implementare un Sistema di Gestione per la responsabilità sociale e dei rischi ESG e preparare un rapporto di sostenibilità conforme a standard internazionali.
  • GIF AP Assessor: credenziale che distingue professionisti esperti di responsabilità sociale, rischi ESG e relazione di sostenibilità in conformità a standard internazionali in possesso di esperienza di Auditor e in grado di svolgere due diligence nel programma Get It Fair.
  • GIF AP TE Governance & Business Ethics: credenziale che distingue specialisti nella valutazione dei rischi governance e business ethics di un’organizzazione e della relativa rendicontazione di sostenibilità.
  • GIF AP TE Social: credenziale che distingue specialisti nella valutazione dei rischi sociali (diritti umani, condizioni di lavoro e impatti sulla comunità) di un’organizzazione e nella relativa rendicontazione di sostenibilità.
  • GIF AP TE Health, Safety, Environment: credenziale che distingue specialisti nella valutazione dei rischi di salute, sicurezza e ambientali di un’organizzazione e della relativa rendicontazione di sostenibilità.

Il GIF AP Credentialing system è il primo schema di certificazione di personale progettato e accreditato in accordo al nuovo Greencomp (2022) «The European sustainability competence framework» ed è accreditato da Accredia, quindi formalmente riconosciuto anche dalla legislazione vigente che lo richiama (vedi decreto CAM).

L’iter da seguire

Il processo di certificazione ricalca i metodi utilizzati nelle certificazioni sviluppate ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024, quindi con una verifica delle abilità, conoscenze e competenze mediante un esame composto da tre prove: un test a risposta multipla, un caso studio e una prova orale.

L’accesso all’esame è vincolato al rispetto dei requisiti di ammissione, nei quali il candidato deve documentare necessariamente la partecipazione ad uno specifico corso di formazione di 40 ore, con superamento dell’esame finale, nonché esperienze professionali nell’ambito dello specifico ed esperienze di audit in almeno 2 standard di sistema di gestione (es. ISO 9001, ISO 14001, ISO 45001, ISO 50001, SA 8000, ISO 37001, ecc.), il tutto come meglio definito e dettagliato nel regolamento disponibile sul sito del Program Operator Diligentia ETS (https://diligentia.it/).

di Giuseppe Mangiagalli

Comunicazione a cura di ICMQ 

ICMQ su Magazine Qualità

2024-07-03T14:21:03+01:00Luglio 8th, 2024|Certificazioni, Sostenibilità|
Torna in cima