Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Grammatica della mediazione: uno standard per consentire l’integrazione dei migranti

UNI immigrazione su magazine qualitàI fenomeni migratori? Non sono solo un problema di ordine pubblico. Al contrario, rappresentano una realtà che va declinata in termini di integrazione.

E’ proprio partendo da questo paradigma che un apposito CEN Workshop (CEN/WS) intende sviluppare un CWA (CEN Workshop Agreement) per fornire una metodologia, incentrata sull’utente, indirizzata agli enti e alle agenzie del settore pubblico che vogliano verificare in che misura l’erogazione dei propri servizi (comprese le modalità offline e online) dia la possibilità ai rifugiati e agli immigrati regolari di raggiungere una effettiva integrazione, consentendo in definitiva un pieno esercizio dei loro diritti di cittadinanza.

La “Grammatica della mediazione: uno standard per consentire l’integrazione dei migranti” si basa sulle attività svolte durante il progetto europeo “EasyRights”, che affronta tre sfide principali per l’efficace integrazione degli immigrati nell’ambito dell’accesso e dell’utilizzo dei servizi:

  1. Accessibilità linguistica, ossia compensare la scarsa comprensione della lingua locale, e soprattutto del gergo giuridico, che spesso impedisce ai migranti di cogliere i dettagli delle procedure amministrative da seguire per esercitare i propri diritti;
  2. Adeguatezza informativa, ossia integrare le capacità dei migranti di trovare e seguire i percorsi corretti per accedere ai servizi pubblici, risolvendo allo stesso tempo eventuali problemi tecnico/procedurali che potrebbero sorgere in questo contesto;
  3. Fruizione dei diritti, ovvero la capacità di cogliere e gestire la portata, la profondità e la connessione dei servizi disponibili, che richiede una speciale capacità di esplorarli, navigare e interagire con essi, soprattutto quando la fruizione dell’uno è propedeutica all’accesso all’altro.

La riunione insediativa del CEN/WS avrà luogo, da remoto, mercoledì 14 settembre 

(H. 14:30-17:30)

Chi fosse interessato a partecipare può contattare il segretario del Workshop Mario Gallo

all’indirizzo email mario.gallo@uni.com

Clicca qui per scaricare la bozza di project plan e l’agenda del kick-off meeting.

Chi desiderasse inviare i propri commenti al project plan, può utilizzare l’apposito form disponibile nella medesima pagina e inviarlo alla segreteria del Workshop (mario.gallo@uni.comentro il 10 settembre 2022.

Ricordiamo che i CEN Workshop (CEN/WS) sono gruppi di lavoro aperti a tutte le organizzazioni, europee o internazionali, interessate alla definizione di documenti di riferimento di carattere particolarmente innovativo, i CEN Workshop Agreement (CWA). Elaborati sulla base del consenso, i CWA restano in vigore per tre anni, al termine dei quali si può deciderne il prolungamento della validità per un altro triennio, la modifica e ripubblicazione come nuovo documento, il ritiro o, al contrario, la trasformazione in una proposta di nuova attività normativa europea o internazionale.

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo uni 2022 su magazine qualità

2022-08-26T16:40:07+01:00Agosto 26th, 2022|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima