Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Gestione rifiuti: l’esperto del ciclo di vita delle sostanze e il futuro della UNI/PdR 60

uni gestione rifiuti su magazine qualitàUna survey per raccogliere il parere degli stakeholder sulla applicazione della prassi di riferimento e deciderne il futuro.

Pubblicata nel 2019, la UNI/PdR 60 ha contribuito in questi anni a fornire un quadro di riferimento per quanto riguarda i requisiti relativi ai profili professionali del Responsabile Schede Dati di Sicurezza (RSDS) e dell’Esperto del Sistema Rifiuti (ESR): due differenti declinazioni dei professionisti che si occupano di seguire le sostanze, in quanto tali o contenute in miscele, dalla loro immissione sul mercato fino al loro smaltimento come rifiuto.

Quando la prassi di riferimento è stata sviluppata, con la collaborazione di EPTAS – Esperti della Prevenzione per la Tutela dell’Ambiente e della Salute, nella legislazione dell’Unione Europea tali profili professionali, dotati di competenze specifiche in tema di ciclo di vita delle sostanze, non erano presenti.

Il documento ha quindi colmato un vuoto che ha portato a riconoscere il ruolo del professionista Responsabile SDS e del professionista ESR – individuandone le attività, i compiti e le relative conoscenze, abilità e competenze – e che ha permesso alle organizzazioni di portare al proprio interno strumenti, metodologie e competenze certificate.

Ora, a quasi cinque anni dalla sua pubblicazione, un apposito questionario chiede a tutti gli stakeholder di esprimere un parere sull’utilità della UNI/PdR 60 e sulla sua concreta applicazione e diffusione sul mercato, al fine di valutare l’eventuale avvio dei lavori di normazione che portino la prassi di riferimento a divenire uno standard a tutti gli effetti.

E’ possibile compilare il survey fino al 14 marzo 2024.

La normazione è al servizio del mercato e delle sue reali esigenze. Per questo è importante la voce di chi opera nel settore.

Attendiamo i vostri commenti.

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo uni 2022 su magazine qualità

2024-02-15T10:50:54+01:00Febbraio 15th, 2024|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima