Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Dichiarazione di conformità: cos’è e come funziona

Dichiarazione di conformità su Magazine QualitàIntrodotta nel mese di marzo 1990, la dichiarazione è un insieme di documenti che permette di verificare la regolarità di un dispositivo o impianto rispetto agli standard imposti dalla legge.

La legge prevede che ogni edificio, a partire dal 2008, sia dotato di Dichiarazione di Conformità, mentre per gli edifici precedenti alla suddetta data, si presenterà la Dichiarazione di Rispondenza, che conterrà dati tecnici che descrivono gli impianti.

La valutazione verrà effettuata da un tecnico specializzato, il quale stabilirà il modello da compilare. La dichiarazione viene presentata automaticamente da coloro che installano gli impianti, i quali si assumono la responsabilità che questo risponda alle leggi vigenti in Italia e in Europa, con un modello unico stabilito a livello ministeriale che andrà presentato al comune in cui viene installato l’impianto. La modalità di presentazione è a discrezione del comune stesso.

Quando richiedere la Dichiarazione di Conformità per gli impianti e i dispositivi

Altrimenti conosciuta come DiCo, la Dichiarazione di Conformità garantisce che coloro che realizzano gli impianti abbiano i requisiti tecnici e l’esperienza necessari a garantire la sicurezza, assumendosi la responsabilità in caso di incidenti e problematiche, da risolvere tempestivamente. Un impianto non a norma è pericoloso per l’ambiente e per chi lo utilizza, spesso inconsapevolmente.

È necessario presentare la DiCo quando si vende o affitta un immobile, quando si vuole effettuare la richiesta per allacciamenti di utenze o si fa richiesta di bonus o incentivi, ad esempio quelli attualmente disponibili per il miglioramento energetico delle case.

Per poter firmare una Dichiarazione di Conformità bisogna possedere almeno uno dei requisiti quali una laurea in materia tecnica specifica, qualifica ottenuta a seguito del diploma, iscrizione all’Albo, oppure titolo o esperienza nel settore, sanciti a norma di legge.

Quando si richiede la DiCo bisogna presentare diversi documenti secondo un modello approvato dal ministero, quali:

  • dati dell’immobile
  • dati della società che fornisce la Dichiarazione
  • visura camerale attestante che la società che effettua le verifiche sugli impianti possiede i requisiti necessari
  • progetto di installazione o sostituzione di uno i più impianti
  • schema completo dell’impianto verificato
  • relazione sui materiali che compongono l’impianto

La Dichiarazione di Conformità è fornita in cinque copie, da distribuire:

  • a chi utilizzerà l’impianto
  • al committente del progetto
  • all’installatore dell’impianto
  • allo sportello unico dell’edilizia, nel comune in cui si effettuano i lavori, entro trenta giorni dalla fine di essi. A volte è necessaria la produzione di ulteriori copie da fornire ad attività con lo scopo sanitario o di sicurezza sul lavoro

La DiCo non ha scadenza, e se non vengono apportate ulteriori modifiche all’impianto non va aggiornata. In caso di aggiunte o modifiche a una sola parte dell’impianto, la DiCo andrà stilata soltanto per la parte nuova.

Quali impianti necessitano della Dichiarazione di Conformità?

La DiCo è obbligatoria per qualsiasi tipo di impianto che richieda l’uso di utenze, siano essi, impianti elettrici, caldaie, riscaldamento o condizionamento, impianti idro-sanitari, linee per il gas, canne fumarie, o impianti antincendio.

Se per esempio hai bisogno di una DiCo per una caldaia in zona Milano, l’idraulico in zona Milano e provincia sarà addetto all’autorizzazione, verificherà l’impianto e deciderà se conferire la DiCo oppure no. In caso di impianto non a norma, il tecnico è tenuto a fornire informazioni sugli interventi da fare per ottenere il certificato.

Coloro che installano gli impianti sono tenuti per legge a presentare la DiCo.

Per quanto riguarda beni o dispositivi, il produttore che sottoscrive la dichiarazione afferma che il prodotto da lui fornito rispetti le direttive statali e le norme vigenti. In Europa la DiCo presenta la denominazione CE, sancita da una serie di direttive che uniformano gli standard di qualità dei prodotti e obbligano ad esporre il marchio CE su quelli idonei.

2022-10-25T09:33:18+01:00Ottobre 25th, 2022|News|
Torna in cima