Conlegno e la Direzione Generale Foreste fanno fronte comune per contrastare il fenomeno del legno illegale

Conlegno, Monitoring Organisation, e la divisione DIFOR III della Direzione Generale Foreste hanno ruoli diversi ma obiettivi comuni: la tutela del patrimonio forestale e il contrasto dell’immissione sul mercato di legno non conforme al Regolamento europeo EUTR

Conlegno Monitoring Organisation Direzione Generale Foreste Magazine QualitàIl 2018 ha portato cambi al vertice e rinnovate competenze per il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. In particolare, è stata istituita la Direzione Generale Foreste guidata dalla dottoressa Alessandra Stefani.

Il Consorzio Servizi Legno e Sughero e la Direzione Generale Foreste, in modo particolare la sua divisione DIFOR III che rappresenta l’Autorità nazionale competente per l’attuazione dell’EUTR (European Timber Regulation) e del FLEGT (Forest Law Enforcement Governance and Trade), condividono un obiettivo fondamentale per la tutela del patrimonio forestale globale, quale il contrasto alla commercializzazione di legno illegale e prodotti derivati. Come noto, l’Autorità competente interagisce, sul fronte internazionale, con la Commissione Europea e, a livello italiano, con le altre Amministrazioni e i portatori d’interesse a vario titolo coinvolti in materia. Ciò, in particolare, nell’ambito dell’organo consultivo appositamente istituito presso il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Il contrasto alla diffusione del legno illegale è una missione prioritaria portata avanti concretamente da Conlegno che dal 19 agosto 2013, a pochi mesi dall’entrata in vigore della EU Timber Regulation, è stato riconosciuto dalla Commissione Europea come Organismo di Controllo – spiega Angelo Mariano, responsabile area operativa Legnok – La nuova disposizione governativa permette di avere un’Autorità competente definita con la quale confrontarsi, scambiarsi informazioni e instaurare collaborazioni virtuose per contrastare un fenomeno che interessa in modo particolare il nostro Paese, terzo Stato membro nell’importazione di legno e derivati di provenienza extra-comunitaria”.

Il 24 maggio 2018 è stato emanato il Decreto Ministeriale relativo alle “Nuove competenze FLEGT EUTR”.  Al Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari dell’Arma dei Carabinieri spetta l’esecuzione dei controlli EUTR e la relativa condivisione dei risultati in termini di ispezioni condotte e sanzioni irrogate. Inoltre, insieme all’Ufficio DIFOR III, ai Carabinieri è delegata la gestione degli adempimenti della Procedura informatica FLEGIT-TRACES per le licenze FLEGT per l’intera filiera, dalla registrazione dell’operatore sino al controllo della validità della licenza e del suo relativo utilizzo. Tra i vari compiti della Direzione Generale Foreste rientrano anche il coordinamento delle politiche della filiera del legno, in coerenza con quelle dell’Unione Europea, e delle politiche di valorizzazione della biodiversità negli ecosistemi forestali.

2018-06-18T16:46:06+00:00News|