CEFLA: LE PERSONE SONO SEMPRE AL CENTRO

Notizie dalle Aziende aderenti alla Campagna Nazionale della Qualità novembre 2017 promossa dal Gruppo Galgano

Cinque Business Unit con specifiche certificazioni di prodotto, un Sistema Qualità Corporate, un’attenzione continua ai processi aziendali, agli stakeholder e al contesto per garantire ai clienti, sicurezza, affidabilità e valore nel tempo.

Cefla, in quanto industria multibusiness con una trentina di sedi nel mondo (di cui la metà produttive), 2.000 addetti e un fatturato 2017 che si prevede attorno ai 500 milioni di euro, è una realtà complessa in cui l’attenzione alla qualità del prodotto e dei processi è, da decenni, un tratto identitario che contribuisce al consolidamento di una solida reputazione.

L’azienda, fondata a Imola nella primavera del 1932, è costituita da cinque Business Unit:

  1. Cefla Impianti (progettazione e global service di sistemi complessi di impiantistica civile e industriale, impianti di produzione di energia, cogenerazione, trigenerazione, impianti di recupero termico e per la depurazione dei flussi gassosi)
  2. Cefla Shopfitting (retail design, produzione di arredamento, soluzioni personalizzate per punti vendita, sistemi di proximity marketing)
  3. Cefla Finishing (leader mondiale nella verniciatura, decorazione, stampa digitale del legno e dei suoi derivati, punto di riferimento all’avanguardia per i settori della finitura di vetro, plastica, fibrocemento, materiali compositi e metallo)
  4. Cefla Medical Equipment (primo produttore europeo di riuniti dentali e tecnologie diagnostiche per il settore odontoiatrico e medicale, con sette marchi leader a livello internazionale)
  5. C-LED (progettazione e produzione di soluzioni di illuminazione personalizzate, di tecnologie per il Growing e per il visual marketing.)

Ciascuna Business Unit si attiene alle normative di riferimento per il proprio prodotto o servizio e, dunque, sono numerose le certificazioni conseguite: ISO 9001, ISO 13485, ISO 14001, OHSAS 18001, ISO 50001, SA 8000.

L’elenco è in continuo aggiornamento, in Cefla si sta lavorando, ad esempio, anche per la conformità al nuovo regolamento europeo 745/2017 che, dal 2020, introdurrà importanti novità nel campo dei dispositivi medicali, avvicinandosi agli standard della Food and Drug Administration statunitense.

Oltre ai sistemi di gestione qualità delle singole Business Unit, dal 2015 Cefla si è dotata di un Sistema Qualità Corporate che assicura un continuo monitoraggio e contribuisce, attraverso audit interni e azioni mirate, a mantenere elevata l’efficienza e l’integrazione dei sistemi qualità adottati in tutti i processi dell’azienda, stimolando il raggiungimento degli obiettivi di miglioramento condivisi con la Governance.

“Nei mercati di oggi – spiega Piero Cassani, Corporate Quality System Manager – la qualità del prodotto e del servizio vengono considerate assodate, in un’azienda come la nostra non possono certo mancare. Partendo da ciò possiamo evolvere lavorando sulla diffusa consapevolezza della qualità. Parliamo ad esempio di Business Continuity, ossia la capacità di garantire al cliente che il prodotto c’è e ci sarà sempre, al prezzo stabilito. Questo porta a compiere, come abbiamo fatto in Cefla, un’approfondita analisi del rischio per ciascuna Business Unit. In pratica, qualunque cosa succeda, da un evento ambientale negativo al venire meno di fornitori strategici, l’azienda predispone un apposito piano per mitigare il rischio e rispettare gli impegni assunti con la clientela. Ma ciò che più ha cambiato il modo di vedere la qualità, rispetto al passato, è una visione meno “gerarchica” della gestione della qualità, in cui la consapevolezza del miglioramento è diffusa a tutti i livelli in tutto il mondo aziendale. “Con un gioco di parole – continua Cassani – mi piace dire che la qualità non la fa la qualità, ma la fanno tutte le persone coinvolte nei nostri processi, siano esse all’interno o all’esterno dell’azienda”.

Un tempo molte imprese ambivano alla certificazione per fregiarsi del certificato o per soddisfare determinati requisiti imposti dalla committenza. Tuttavia, affinché il sistema funzioni, è fondamentale che la cultura della qualità diventi qualcosa di intrinseco, patrimonio personale di ciascun addetto lungo tutta la filiera.

E’ interessante notare come l’idea, la percezione, l’applicazione del concetto di Qualità si evolva e si ridefinisca, al passo con i cambiamenti economici, tecnologici e sociali. In Cefla sono 24 le persone impegnate nella gestione dei Sistemi qualità, un impegno importante che si preannuncia in crescita. Ma quanto costa la Qualità?

“Non parlerei di costo – risponde Cassani – ma di investimento. Quello che costa è la non-qualità. In altre parole l’investimento che un’azienda destina alla qualità non è subito evidente, ma lo diventa nel momento in cui si manifestano una mancanza di qualità o una grave inefficienza. In quei casi l’impresa affronta dei costi tangibili per la gestione del problema, per i prodotti resi o da ricostruire, per un servizio che si deve ripristinare con rapidità. A questi si aggiungono altri costi intangibili che possono comportare il deterioramento della relazione con il cliente o della reputazione dello stesso brand, che in quest’epoca di comunicazione diffusa e diretta fra le persone, facilitata dalla tecnologia, può diventare una faccenda davvero seria”. Cefla, che quest’anno celebra gli 85 anni di attività, è una cooperativa che ha come mission quella di “creare valore nel tempo”, da ciò si evince l’importanza di questa costante tensione a migliorare e a garantire affidabilità alla clientela. “Il miglioramento – continua Cassani – dipende anche dal contesto stesso in cui operiamo. Cefla per questo ha compiuto delle analisi specifiche nei confronti degli stakeholder, individuandone le aspettative per definire le azioni necessarie a soddisfarle al meglio. Parliamo di dipendenti, soci, fornitori, amministrazioni pubbliche, istituti di credito e altri soggetti che riteniamo importanti e che contribuiscono al raggiungimento dei nostri obiettivi”.

Print Friendly, PDF & Email
2017-11-13T09:37:57+01:00Galgano News|