Baubeach compie 20 anni e rinnoverà con Rina la certificazione ISO 13009

La prima spiaggia per cani più famosa d’Italia ha aperto i suoi battenti lo scorso 25 aprile per accogliere i suoi ospiti scodinzolanti, accompagnati dalle loro appassionate famiglie umane.

Quest’anno numerose novità, a coronare una attività senza precedenti, che dura da 20 anni e che è stata festeggiata  il 23 giugno, a ricordare quell’estate del 1998 in cui per la prima volta si derogò il divieto di far accedere i cani negli arenili, aprendo una spiaggia il cui nome divenne sinonimo di “spiaggia per cani”: Baubeach®!

La festa del 23 giugno è stata ricca di revival, mostra di foto e articoli di stampa di questo percorso che ha segnato una nuova era nel rapporto  tra il cane e l’umana specie… Cartoline retrò, emozioni e sorrisi, da inviare “come si faceva una volta” con indirizzo e francobollo, per simboleggiare la volontà del recupero di gesti ed emozioni  dimenticate. Una istallazione che rimarrà per tutta l’estate, Le nuvole, simbolo del cambiamento, a cura della pittrice tedesca Karen Thomas e di Patrizia Daffinà, responsabile dell’associazione e ideatrice del concept Baubeach®.

Sinergia con Sea Shepherd, che si occupa della tutela della fauna ittica e dei fondali marini, con le associazioni locali che si occupano di cani soli al mondo, musica, arte: nella giornata si celebrerà la volontà di creare un mondo migliore per tutti gli esseri viventi. Quello che Baubeach® sostiene da 20 anni offrendo spazi per tutte le tipologie di cani e umani e la possibilità di tenerli liberi dal guinzaglio; anni di esperienza e un regolamento che permette una vivibilità unica nel suo genere.

A suggellare tutto ciò ci sarà un nuovo contenitore di eventi ed emozioni, denominato “Baumood®”, che farà vivere lo spirito Baubeach anche dopo l’estate: uno spazio di oltre 3000 mq, tra la spiaggia e la macchia mediterranea, attrezzato per fornire una  servizi aggiuntivi, l’asilo diurno per cani (Bauhome) e l’area Baby & Bau, con attività per i più piccoli attorno a un percorso ludico ed emozionale. E ancora, l’area dedicata agli sport cinofili empatico relazionali, riconosciuti dalla Federazione Italiana Sport Cinofili, attraverso i quali apprendere un nuovo approccio sportivo con il proprio cane, destrutturato e attento all’empatia profonda; la zona dedicata ad eventi, feste, raduni, corsi di formazione presso il nuovo spazio nel verde che ospita una autentica Yurta. L’Orto sinergico, lezioni di Yoga e di Pilates: tutto sarà proteso alla cura profonda dell’anima e del corpo, per raggiungere un benessere ottimale che di certo migliorerà anche il rapporto con il nostro cane.

Ciò che l’associazione Baubeach Village, in collaborazione con l’Associazione Animali per l’Anima, partner da quest’anno, vuole sostenere è un nuovo modo di affrontare la convivenza con il cane, migliorando, in questa ricerca, la propria stessa esistenza. L’idea è frutto di anni di lavoro su questi temi, da parte delle due rappresentanti delle due associazioni, Patrizia Daffinà e Antiniska Carrazza: mettendo insieme le rispettive esperienze e competenze in ambito etologico ed educativo, si è creato un cocktail esplosivo di creatività e innovazione che ha dato vita al Baumood® e a tutte le attività ad esso connesse.

Il Comitato dei Responsabili dell’ Etica del Progetto, tra cui emerge la figura di Rita Ghilardi, responsabile della comunicazione e dell’etica cruelty free, che già da diversi anni ha proposto il primo ristoro  totalmente vegano  sul mare, lavorerà per creare all’interno di un’isola già da molti definita un “paradiso in terra”, una  dimensione di gioiosa creatività e di socializzazione, diretta ad ogni fascia di età in armonia con le altre specie viventi.

Baubeach Village ha aderito a Maccarese da Vivere, per contribuire alla riqualificazione del lungomare di Maccarese, confermerà la sua certificazione ISO 13009 con Rina, garante di alti standard di sicurezza e di qualità: questo per ribadire che la sua caratteristica turistico ricreativa, ovvero l’organizzazione per accogliere cani accompagnati, altro non è che una misura di eccellenza turistica e di civiltà.

I diritti rispettati migliorano la nostra società e la rendono più civile. Come si legge nella famosa citazione del Mahatma Ghandi: “La civiltà di un popolo si misura  nel modo in cui tratta gli animali”. Anche per questo, per riconoscere il valore del Biocentrismo e mettere le persone nella possibilità di comprendere e cambiare approccio alla vita, divenendo più “civili” appunto, ma anche più consapevoli e forse felici, che è nato il nostro lavoro, che da ora in poi avrà il nome di Baumood®.

2018-06-24T16:58:20+00:00News|