Autenticità, integrità e affidabilità di prodotti e documenti

Sicurezza e Resilienza UNI su magazine qualitàSicurezza e resilienza

Come difendersi da frodi e truffe? Quali strumenti possono essere messi a disposizione della collettività per prevenire il problema?

Ecco che la normazione fa la sua parte fornendo un valido sostegno.

Nello specifico è la commissione Sicurezza della società e del cittadino che si è occupata di recente dell’adozione di due norme la ISO 22380 e la ISO 22382.

Vediamole qui di seguito

Il primo documento – la UNI ISO 22380 – stabilisce i principi generali che un’organizzazione adotta per identificare i rischi legati a vari tipi di frode sui prodotti e ai truffatori.

Il documento fornisce una guida su come le organizzazioni possono definire contromisure strategiche e commerciali per prevenire o ridurre qualsiasi danno, perdita tangibile o intangibile e i costi di tali attacchi fraudolenti, in modo economicamente vantaggioso.

Le strategie classiche di prevenzione del crimine iniziano con un’analisi dei contesti situazionali di una fattispecie criminosa per trovare l’opportunità strutturale di un particolare reato. Successivamente, le tipologie specifiche di reato sono classificate in base al modus operandi (MO) insieme ai tipi di intenzione e movente criminale. In seguito, si esaminano le tipologie degli autori del reato e i loro comportamenti per determinare come prevenire o scoraggiare il reato.

Questa norma inizia proprio con la comprensione del contesto situazionale esterno e interno della frode sui prodotti.

Il documento si applica a tutte le organizzazioni, indipendentemente dal tipo, dalle dimensioni o dalla natura, sia nel settore privato, sia in quello pubblico. La guida può essere adattata alle esigenze, agli obiettivi, alle risorse e ai vincoli dell’organizzazione. Inoltre, intende promuovere una comprensione comune nell’ambito del rischio di frode legato al prodotto e delle relative contromisure.

All’interno della norma viene citata la ISO 31000 Risk management – Guidelines come riferimento normativo.

Il secondo documento – la UNI ISO 22382 – fornisce le linee guida per il contenuto, la sicurezza, l’emissione e l’esame di bolli e contrassegni fisici, utilizzati per indicare che l’accisa richiesta o altre imposte applicabili, connesse ad un oggetto, sono state pagate e per indicare che l’articolo è legittimato ad esser presente sullo specifico mercato.

In particolare, il documento fornisce indicazioni su:

  • la descrizione delle finalità di un bollo fiscale
  • l’individuazione delle parti interessate e la consultazione tra loro
  • la pianificazione del processo di approvvigionamento e la selezione dei fornitori
  • la progettazione e la realizzazione delle marche da bollo
  • le caratteristiche di sicurezza, palesi e nascoste, che garantiscono la protezione della marca da bollo
  • i processi di finitura e di applicazione della marca da bollo
  • la sicurezza della catena di approvvigionamento della marca da bollo
  • la serializzazione e i codici di identificazione univoci (UID) per le marche da bollo
  • l’esame delle marche da bollo
  • il monitoraggio e la valutazione del comportamento delle marche da bollo

Inoltre, è applicabile solo alle marche da bollo di natura fisica e osservabili da occhio umano (con l’ausilio di uno strumento rivelatore, se necessario) o al tatto, applicate a un bene di consumo od al suo imballaggio, e che consentono l’autenticazione del bene. Quando nel documento si utilizza il termine “autenticazione”, ci si riferisce solo all’autenticazione del bollo, non al prodotto sul quale è apposto.

Lo scopo del documento è anche quello di assistere le autorità fiscali a migliorare il rispetto delle normative sulle accise attraverso l’applicazione di nuove stampigliature delle accise e dei sistemi di emissione associati, o il miglioramento di quelli esistenti.

Non si applica ai sistemi o alle procedure che un’autorità emittente ha istituito per controllare e monitorare la riscossione delle accise, tranne che con riferimento ad essi, quando hanno un impatto sulla progettazione o sulla specifica delle marche da bollo.

In entrambe le norme viene citata la ISO 22300 Security and resilience – Vocabulary come riferimento normativo.

Informazioni per l’acquisto

UNI ISO 22380:2020 Sicurezza e resilienza – Autenticità, integrità e affidabilità di prodotti e documenti – Principi generali afferenti al rischio di frode sui prodotti e contromisure
Euro 35,00 + iva (in lingua inglese) – Euro 46,00 + iva (in lingua italiana)

UNI ISO 22382:2020 Sicurezza e resilienza – Autenticità, integrità e affidabilità per prodotti e documenti – Linee guida per il contenuto, la sicurezza, l’emissione e l’esame dei bolli fiscali

Euro 55,00 + iva (in lingua inglese) – Euro 72,00 + iva (in lingua italiana)

Le norme, sia in formato elettronico che in formato cartaceo, saranno scontate del 15% ai soci effettivi.

L’abbonamento annuale a tutte le norme è disponibile a partire da 200 euro: scopri come!

Clienti e Soci

Tel. 02 700 24 200 (call center dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì) – Email: vendite@uni.com

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

2021-04-08T09:02:25+01:00Aprile 8th, 2021|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima