Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Aumento delle bollette: come risparmiare

La realtà che sempre più spesso molte famiglie hanno sperimentato è quella degli aumenti delle bollette. Situazione che non sembra avvicinarsi a una conclusione nel breve periodo: anche per i prossimi mesi, infatti, potrebbero essere previsti incrementi che vanno a pesare in modo rilevante sul budget familiare, pertanto occorre adottare misure preventive per risparmiare in bolletta, come cercare e confrontare le migliori offerte di luce e gas presenti sul mercato, oltre che ridurre i consumi adottando buone abitudini giornaliere.

risparmio bollette su magazine qualità

Perché le bollette aumentano?

Nel 2024 le bollette potrebbero continuare ad aumentare, a causa di diversi fattori sia nazionali che internazionali. In primo luogo, gli aumenti derivano dai costi elevati per l’approvvigionamento delle materie prime energetiche e il trasporto. La guerra in Ucraina, infatti, ha interrotto i rapporti commerciali con la Russia, che era uno dei principali fornitori di gas per l’Europa, e gli effetti di questa situazione sono ancora presenti nonostante i piani dell’UE per fronteggiare la crisi.

A livello nazionale, un fattore determinante è la fine dello sconto sull’IVA per le somministrazioni di gas metano per usi civili e industriali, che era stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2022 per mitigare l’aumento dei prezzi causato dal conflitto. Con la scadenza di questo provvedimento a gennaio 2024, l’IVA è tornata dal 5% al 10% per consumi fino a 480 smc e al 22% per consumi superiori.

A ciò bisogna aggiungere anche la fine del Mercato Tutelato, che implica la cessazione dei servizi di fornitura di gas naturale ed energia elettrica secondo le condizioni stabilite dall’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente. Ciò significa che i clienti sono ora obbligati a optare per uno dei fornitori del mercato libero, scegliendo tra una gamma più ampia di offerte e condizioni contrattuali, ma senza alcuna tutela o limite di prezzo. Pertanto, se non si presta particolare attenzione, è possibile ritrovare a pagare prezzi non in linea con i propri consumi.

Per quanto durerà l’aumento?

L’arrivo del 2024 ha determinato la fine del mercato tutelato per energia e gas. Ciò vuol dire che sono terminati i servizi di fornitura di gas naturale ed energia elettrica secondo le condizioni economiche e contrattuali indicate dall’ARERA, che coinvolgeva i clienti finali di piccole dimensioni come ad esempio le famiglie, che non avevano scelto un fornitore nel libero mercato.

L’autorità sopra citata ha ufficialmente comunicato un aumento per tutto il periodo del 2024, anno per il quale è possibile richiedere il bonus elettrico destinato alle famiglie in difficoltà economica o in condizioni di disagio fiscale, nonché ai percettori di pensione e dell’Assegno d’inclusione.

Come risparmiare in bolletta

Giunti a questo punto potrebbe sorgere spontanea la domanda: come risparmiare in bolletta? Per quanto concerne l’energia elettrica, è possibile adottare soluzioni semplici, ovvero buone abitudini oppure innovazioni tecnologiche già presenti in molti dispositivi.

Ad esempio, lasciare la luce accesa in una stanza che non viene utilizzata è sicuramente una cattiva abitudine da correggere. Ancora, è consigliabile optare per le lampadine a LED, più efficienti sotto ogni punto di vista. Per quanto concerne il gas, invece, è consigliabile preservare la temperatura presente in casa, ad esempio non lasciando le finestre aperte durante i mesi invernali in modo da evitare la dispersione del calore.

2024-06-20T08:37:36+01:00Giugno 10th, 2024|News|
Torna in cima