Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Aumentano gli investitori che puntano su politiche sostenibili

La reputazione è un asset intangibile vitale per qualunque azienda, ancora di più quando si parla di rispetto dei rating ESG. Se da una parte il 79% investitori globali, secondo la ricerca pubblicata da ESGToday, punta sempre di più su politiche di investimento sostenibile, dall’altra il 70% delle imprese italiane con rating ESG si limita a far “certificare” le proprie dichiarazioni di sostenibilità da agenzie di consulenza che non effettuano Audit in azienda ma si limitano a validare le dichiarazioni delle imprese stesse, senza governare il rischio reputazionale, come dimostra il recente caso di Armani Operation. “Il numero di aziende italiane, anche di medio-grandi dimensioni, che non hanno mai effettuato uno specifico e approfondito screening del proprio profilo di rischio reputazionale è francamente impressionante” ha spiegato Luca Poma, Professore di Reputation management, presentando CompanyCheckUp, il tool che mette a disposizione delle aziende decenni di esperienza maturata nel settore della gestione della reputazione e della
risoluzione delle crisi reputazionali

Negli ultimi anni sempre più investitori hanno deciso di implementare le proprie politiche ESG: secondo lo studio pubblicato su ESGToday realizzato da Deloitte e The Fletcher School, il 79% degli investitori ha dichiarato di avere in atto una politica di investimento sostenibile, una percentuale in netto aumento rispetto a cinque anni fa, quando era ferma al 20%. L’indagine di livello globale, svolta tra gennaio e dicembre 2023, ha coinvolto oltre mille proprietari di asset, gestori di asset e consulenti di investimento, inclusi CEO e CIO sparsi tra Nord America, Europa e Asia, e solo l’1% degli intervistati ha dichiarato di non avere un piano di investimento ESG. In particolare i più attivi sono gli statunitensi con l’83% degli investitori che prevede politiche di investimento ESG in aumento rispetto al 27% di cinque anni fa. Gli investitori europei sono, invece, leggermente indietro e si fermano al 75%. Tra i principali motivi che spingono a integrare i fattori di sostenibilità nei processi decisionali di investimento ci sono il rispetto dei requisiti normativi (39%), il miglioramento delle performance finanziarie (36%) e l’influenza o la pressione degli stakeholder (34%).

Se da un lato gli investitori puntano su politiche sostenibili, dall’altra le aziende devono farsi trovare pronte a rispettare i rating ESG, ma da questo punto di vista i dati non sono confortanti: una recente ricerca finanziata dal Parlamento Europeo dimostra come il 70% delle aziende italiane con rating ESG non si sia sottoposte ad alcun “audit” presso le proprie sedi, essendosi limitate a far “certificare” dalle agenzie e società di consulenza le proprie stesse dichiarazioni. Una scelta questa che espone a gravi rischi reputazionali, come dimostra la grave crisi della Giorgio Armani Operation, recentemente commissariata dal Tribunale di Milano. Rischi che dimostrano come la reputazione sia un asset intangibile primario e vitale per qualunque azienda, un vero e proprio patrimonio da tutelare.

“Il numero di aziende italiane, anche di medio-grandi dimensioni, che non hanno mai effettuato uno screening approfondito e specifico del proprio profilo di rischio reputazionale è francamente impressionante – dichiara Luca Poma, Professore di Reputation management all’Università LUMSA di Roma e all’Università della Repubblica di San Marino – Compromettere la reputazione, come sempre più ci raccontano le cronache, rischia di distruggere valore e pregiudicare la business continuity delle organizzazioni”.

Per questi motivi, la start-up innovativa Reputation Management mette ora a disposizione delle imprese, da quelle di grandi dimensioni alle piccole e medie imprese, tanto diffuse in Italia e parte fondante del sistema Paese, un assessement specialistico, CompanyCheckUp, customizzabile e sartoriale, in grado di trarre vantaggio dall’analisi e dalla messa a sistema delle migliori pratiche in campo reputazionale documentate in letteratura scientifica come anche nella pratica professionale.

“La finalità del progetto – ha dichiarato la dottoressa Giorgia Grandoni, ricercatrice del Centro studi della start-up – è quella permettere la valorizzazione concreta di decenni di esperienza maturata nel settore della gestione della reputazione e della risoluzione delle crisi reputazionali, grazie a uno strumento diagnostico facilmente e rapidamente accessibile, che consente una mappatura delle aree di forza e di debolezza sotto il profilo della reputazione dell’organizzazione oggetto di indagine, come ad esempio capacità di crisis response, gestione delle relazioni pubbliche e delle media-relation, clima interno, supply chain, punti di criticità nei rapporti con l’esterno, qualità della rendicontazione ESG e capacità dell’azienda di operare e di raggiungere la propria mission, mappando e anticipando, tra l’altro, i rischi reputazionali.

“Siamo certi della validità di questa proposta – spiega Luca Yuri Toselli, amministratore della start-up Reputation Management – che rappresenta anche un ponte tra tutte le conoscenze e competenze accumulate in tanti anni di ricerche accademiche e applicazioni empiriche nel campo della gestione della reputazione da un lato, e il mondo delle imprese dall’altro, aziende sempre più esposte al rischio di crisi reputazionali potenzialmente devastanti e in grado di danneggiare il valore degli azionisti”.

2024-05-15T15:15:59+01:00Maggio 15th, 2024|News|
Torna in cima