Accreditamento JCI per l’ospedale “Bambino Gesù” di  Roma

ospedale “Bambino Gesù” su Magazine QualitàL’ospedale “Bambino Gesù” ha ottenuto l’accreditamento JCI come ‘Centro Medico Accademico’ anche per il nuovo triennio che va dal 2019 al 2021.

La certificazione, giunta a seguito di un’indagine accurata, è stata conferita dal principale ente di accreditamento sanitario in ambito internazionale: Joint Commission International. L’Ospedale Pediatrico della Santa Sede è risultato conforme ad oltre 300 standard e 1200 indicatori di eccellenza internazionali.

La Joint Commission International è un ente no-profit presente in 70 diversi Paesi. E’ stata fondata nel 1994 come branca internazionale di The Joint Commision (primo e maggiore ente degli Stati Uniti per l’accreditamento e la determinazione degli standard in campo sanitario) con l’obiettivo di migliorare la sicurezza e la qualità dell’assistenza. JCI, oggi, è considerato lo standard di primo livello nell’assistenza sanitaria mondiale.

Il primo accreditamento JCI era arrivato già nel 2006, riconfermato successivamente nel 2009 e 2012, con cadenza triennale. Nel 2015 è giunto il prestigioso riconoscimento di “Centro Medico Accademico”, per l’intensa attività nel campo della formazione medica, della ricerca clinica e per il rispetto di ulteriori requisiti di eccellenza. Delle 617 organizzazioni sanitarie accreditate da JCI nel mondo, ad oggi solo 87 hanno il titolo di Centro Accademico. In Italia, in particolare, le strutture certificate JCI sono 23, di cui 5 ospedali “accademici”.
Il team internazionale valuta la conformità agli standard sanitari che vengono sviluppati e aggiornati periodicamente dal confronto con gli esperti di tutto il mondo e anche le buone pratiche. Il metodo JCI si ispira al “miglioramento continuo della qualità della assistenza” e i parametri da soddisfare si riferiscono a tutti gli aspetti dell’organizzazione ospedaliera.

Nel conferire il nuovo accreditamento, gli ispettori della JCI hanno lodato l’Ospedale della Santa Sede per “l’impegno nel miglioramento continuo della qualità delle cure, per aver scelto la sicurezza come obiettivo imprescindibile e per l’adozione di pratiche che sono di esempio a livello internazionale”.

Siamo orgogliosi – ha affermato Massimiliano Raponi, direttore sanitario del Bambino Gesù – della conferma di un riconoscimento che arriva da un ente certificatore così autorevole e che ci spinge a proseguire nel percorso di continuo miglioramento per offrire ai nostri pazienti cure di qualità, sicure, e la migliore assistenza anche alle loro famiglie”.

2018-12-30T16:15:27+00:00News|