Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Sono 7 i progetti di norma sottoposti in questi giorni (dal 4 al 18 luglio) all’inchiesta pubblica preliminare

Gli argomenti trattati riguardano: infrastrutture del gas, sistemi di gestione dell’efficienza idrica e della sicurezza del traffico stradale, sicurezza e resilienza.

UNI Inchiesta pubblica su Magazine Qualità

Sono 7 i progetti di norma sottoposti a inchiesta pubblica preliminare per due settimane, dal 4 al 18 luglio.

Questi i temi al centro dei lavori delle commissioni tecniche.

Iniziamo con l’ente federato UNI/CT 100 – CIG – Comitato Italiano Gas che volge la sua attenzione a due progetti.

Vediamoli in dettaglio.

Il primo, UNI1614214, elenca i termini e le definizioni, prescrive i criteri generali per la progettazione, la costruzione e l’installazione degli alloggiamenti e per la progettazione, la costruzione e il collaudo delle stazioni di controllo della pressione. Il documento consente di disporre di uno strumento che definisce i criteri della verifica di sicurezza, oltre agli impianti domestici e similari, anche a quelli di ambiti diversi (di tipo extradomestico e per l’ospitalità professionale), in coerenza con il corpus normativo di riferimento (impianti e derivazioni di utenza).

Sostituisce la UNI 8827-1:2015.

Il secondo, UNI1614215, prescrive i criteri generali per la progettazione, costruzione e collaudo dei sistemi di controllo della pressione. Tratta i requisiti dei sistemi di controllo della pressione per gas canalizzati, che sono alimentati da condotte con MOPU maggiore di 0,04 e minore o uguale a 5 bar, funzionanti con pressione a valle non maggiore di 0,04 bar per gas della prima e seconda famiglia secondo la UNI EN 437, impiegati per alimentare una rete di distribuzione o direttamente utenze diverse da utilizzi esclusivamente tecnologici, intese ad esempio come quelle allocate presso le abitazioni del consumatore che acquista gas per uso proprio (per cottura e/o condizionamento ambientale e/o produzione acqua calda sanitaria).

Sostituisce la UNI 8827-2:2015.

Passiamo alla commissione UNI/CT 033 – Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio e al progetto UNI1614244.

Questo documento specifica i requisiti e contiene una guida per l’utilizzo nello stabilire, implementare e mantenere un sistema di gestione dell’efficienza idrica. È applicabile a organizzazioni di tutti i tipi e dimensioni che utilizzano l’acqua. È focalizzata sui consumatori finali.

Sostituisce la UNI ISO 46001:2021.

Concludiamo con la commissione UNI/CT 043 – Sicurezza della società e del cittadino che pone in inchiesta quattro progetti.

Eccoli qui di seguito.

Il primo, UNI1614105, specifica i requisiti per il sistema di gestione in sicurezza del traffico stradale (RTS – Road traffic safety) per consentire a un’organizzazione che interagisce con il sistema del traffico stradale di ridurre le morti e le lesioni gravi dovute agli incidenti stradali sui quali può intervenire. I requisiti della ISO 39001 includono lo sviluppo e l’applicazione di una politica RTS adeguata, lo sviluppo di obiettivi e piani d’azioni correlati ad essa, che considerino requisiti legali e altri sottoscritti dall’organizzazione, nonché le informazioni sugli elementi e i criteri correlati al sistema RTS che l’organizzazione identifica come quelli che ha la possibilità di controllare e sui quali può intervenire.

Sostituisce la UNI ISO 39001:2016.

Il secondo, UNI1614106, specifica i requisiti per l’identificazione, lo sviluppo e la gestione di accordi di partenariato con o tra le organizzazioni. Si applica ad organizzazioni private e pubbliche di tutte le dimensioni, dalle grandi corporazioni multinazionali e governative alle organizzazioni no-profit e micro/piccole imprese. Si può applicare a diversi differenti livelli, per esempio ad una singola applicazione, ad accordi individuali, ad accordi multipli riconosciuti e ad applicazione completa a livello di organizzazione per tutti i tipi di relazione riconosciuti.

Sostituisce la UNI ISO 44001:2019.

Il terzo, UNI1614104, specifica i requisiti per un sistema di gestione della sicurezza, compresi gli aspetti rilevanti per la catena logistica. Anche in questo caso il documento è applicabile a organizzazioni di ogni tipo e dimensione (per esempio imprese commerciali, enti governativi o altri enti pubblici e organizzazioni senza scopo di lucro) che intendono stabilire, attuare, mantenere e migliorare un sistema di gestione della sicurezza. Fornisce un approccio olistico e comune e non è specifico per l’industria o il settore. Inoltre, può essere utilizzato per tutta la vita dell’organizzazione e può essere applicato a qualsiasi attività, interna o esterna, a tutti i livelli.

Sostituisce la UNI ISO 28000:2022.

Il quarto, UNI1614103, fornisce un quadro di riferimento per stabilire, attuare, operare, monitorare, rivedere, mantenere e migliorare la gestione delle operazioni di sicurezza. Fornisce i principi e i requisiti per un sistema di gestione delle operazioni di sicurezza (SOMS). Nasce dalla necessità di agevolare le organizzazioni nel tener conto degli effetti dei cambiamenti climatici già nella definizione del campo di applicazione dei loro sistemi di gestione, qualunque sia la disciplina che tali sistemi intercettano.

Sostituisce la UNI ISO 18788:2022.

Data di scadenza dell’inchiesta pubblica preliminare: 18 luglio 2024

L’inchiesta pubblica preliminare è un passaggio fondamentale del processo normativo perché aiuta a capire se:

  • il mercato ha bisogno di queste norme
  • ci sono altri bisogni da soddisfare
  • ti interessa partecipare

Lo sviluppo di uno standard deve avere luogo solo di fronte a un reale beneficio

Per questo il tuo parere è importante: aspettiamo i tuoi commenti

(>> vai alla banca dati)

Scopri come partecipare alle attività di normazione

(>> vai alla sezione Associazione)

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo uni 2022 su magazine qualità
2024-07-04T09:23:55+01:00Luglio 4th, 2024|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima