5 nuovi progetti di norma UNI sottoposti all’inchiesta pubblica finale fino al 22 dicembre 2020

UNI su Magazine Qualità

L’inchiesta pubblica finale è un passaggio durante il quale i testi dei progetti vengono messi a disposizione di tutti gli operatori al fine di raccogliere i commenti e ottenere il consenso più allargato possibile prima della pubblicazione come norma UNI (vedi box in fondo alla pagina).

Eccoli in breve

Il progetto UNI1606726 definisce i requisiti dell’attività professionale del Patrocinatore Stragiudiziale, ossia l’esperto di risarcimento del danno. Tali requisiti sono specificati in termini di conoscenza e abilità, in coerenza con il Quadro Nazionale delle Qualificazioni (QNQ). Di competenza della Commissione “Attività professionali non regolamentate”, il documento sostituisce UNI 11477:2013.

Il progetto del CTI UNI1607121, futura UNI/TS, rappresenta una linea guida per la valutazione tecnico-economica per l’installazione dei sistemi di contabilizzazione e termoregolazione. L’obiettivo è quello di sensibilizzare le parti interessate (professionisti, condòmini, amministratori condominiali, costruttori, gestori e organi di controllo) alla corretta applicazione dell’obbligo di legge previsto dalla Direttiva europea 2012/27/UE (recepita in Italia attraverso il D.Lgs. 102/2014 e s.m.i.).

La Commissione “Impianti di ascensori, montacarichi, scale mobili e apparecchi similari” propone il progetto UNI1607593, che stabilisce i requisiti per la verifica e i criteri di scarto dei sistemi di sospensione e compensazione dell’impianto e dei sistemi di attuazione del paracadute a mezzo di funi di materiale ferromagnetico non rivestito, installati su ascensori, piattaforme elevatrici e montacarichi. Il progetto, futura UNI/TS, vede come co-autore la Commissione “Prove non distruttive”.

Il progetto UNI1607817 della Commissione “Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio” definisce i requisiti minimi per l’installazione delle pareti doccia conformi alla UNI EN 14428, in modo da ottenere dal prodotto posto in opera le caratteristiche di sicurezza e durabilità previste dal fabbricante. Il documento sostituirà la prassi di riferimento UNI/PdR 14:2015.

Infine, il progetto UNI1608008 di interesse della Commissione “Protezione attiva contro gli incendi” specifica i requisiti costruttivi e prestazionali minimi da soddisfare nella progettazione, installazione ed esercizio delle reti di idranti destinate all’alimentazione di apparecchi di erogazione antincendio. Sostituisce UNI 10779:2014.

Se siete interessati a saperne di più potete trovare ulteriori informazioni sul sito UNI Cliccando qui!

Vi ricordiamo che fino al 22 dicembre prossimo potrete scaricare liberamente i testi dei progetti e inviare i vostri commenti tramite la nostra banca dati online.

FOCUS: cos’è l’inchiesta pubblica preliminare – L’esigenza di trasparenza del processo di normazione tecnica volontaria si evidenzia in un passaggio fondamentale: l’inchiesta pubblica preliminare. Infatti, solo vagliando preventivamente le concrete esigenze del mercato è possibile avviare in maniera utile ed efficace i lavori di normazione; perché lo sviluppo di una norma deve aver luogo solo di fronte a un reale beneficio e individuando tutti i soggetti significativi degli interessi in gioco, in modo che ci sia una “rappresentanza adeguata”. La banca dati dell’inchiesta pubblica preliminare dei progetti di norma UNI fornisce i riferimenti generali del progetto (titolo, scopo/sommario, giustificazioni, benefici attesi) così da informare tempestivamente il pubblico circa l’intenzione di avviare lavori di normazione in determinati settori o su specifici temi. La banca dati contiene anche i riferimenti dei progetti la cui inchiesta è già scaduta: questo per fornire agli utenti un’informazione più completa sulle attività di normazione che UNI ha proposto o avviato nel corso del tempo. Questo servizio di informazione offre inoltre la possibilità, per i progetti di norma nazionale, di inviare commenti e di dichiarare il proprio interesse alla partecipazione ai lavori di normazione, mentre per i progetti di adozione di norme ISO e di rapporti o specifiche tecniche CEN (CEN/TR, CEN/TS) offre la possibilità di segnalare se i documenti già emanati da CEN o ISO, di cui si propone l’adozione, possono rispondere, da un punto di vista tecnico, alle esigenze nazionali.

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

UNI su Magazine Qualità

2020-11-02T14:57:38+01:00Novembre 2nd, 2020|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima