Cresce la flotta sostenibile di 3M Italia

3M Magazine Qualità

Alle otto vetture ibride già inhouse si affiancano altri otto veicoli, tra auto e furgoni, della Electric Fleet.

Prevista una riduzione di 30 ton nelle emissioni di CO2.

Il progetto “flotta sostenibile” di 3M Italia cresce e si espande con l’inserimento di 8 nuovi veicoli elettrici. Destinati ai collegamenti tra la sede centrale di Pioltello e gli stabilimenti produttivi (tutti localizzati in Lombardia), gli 8 mezzi elettrici rappresentano un nuovo tassello nel piano di mobilità sostenibile dell’azienda.

Avviata nel 2011 mettendo a disposizione due auto elettriche per i trasferimenti tra gli stabilimenti, la strategia di riduzione dell’impatto ambientale e di risparmio energetico di 3M si è evoluta nel tempo. La car policy adottata è stata progressivamente rivista e ha consentito l’introduzione di modelli di auto caratterizzati da livelli di emissioni sempre più bassi. Già nel 2017 erano state acquistate in leasing otto ibride utilizzate dal personale di vendita.

Oggi l’azienda di Pioltello – già pluripremiata per la sede disegnata dallo Studio MCA Mario Cucinella Architects che, applicando principi di risparmio energetico ed energie rinnovabili, si presenta come una vera e propria macchina bioclimatica grazie a un impianto geotermico e fotovoltaico all’avanguardia – mette a disposizione 7 colonnine di ricarica, accessibili liberamente anche dai dipendenti che possiedono auto elettriche.

Questo ampliamento della flotta permetterà, da oggi ai prossimi quattro anni, di ridurre di 30 tonnellate l’emissione di CO2. Una quantità che andrà a incrementare gli eccellenti risultati dei 7 anni precedenti di operatività delle auto, durante i quali è stato ottenuto un taglio medio delle emissioni pari al 31%, e che hanno consentito a 3M di vincere il premio Mission Fleet Award 2017 come “Fleet Manager dell’anno”.

La riduzione delle emissioni è uno degli obiettivi di sostenibilità che 3M si è data per il 2025. I sustainability goals della corporation puntano a migliorare l’efficienza energetica del 30% in rapporto al fatturato netto, incrementare la quota di energia rinnovabile al 25% sul totale dell’elettricità utilizzata, ridurre le emissioni di gas serra almeno del 50% rispetto ai valori del 2002 facendo comunque crescere il business, aiutare i clienti a ridurre le proprie emissioni di gas serra di 250 milioni di tonnellate di CO2 equivalente grazie all’uso dei prodotti 3M.

La scelta di affiancare l’elettrico all’ibrido avrà interessanti impatti anche sul nostro conto economico – ha dichiarato Vito Roberto Palmiotti, 3M Italia Facility Manager – Abbiamo calcolato che i costi del leasing auto scenderanno del 18%, mentre diminuiranno anche in modo significativo i nostri consumi di carburante”.

Tra le prossime attività per l’anno 3M sta lavorando alla fattibilità di una iniziativa per rendere disponibili ai dipendenti le nuove vetture elettriche nel week end, così da permettere a tutti l’esperienza di guida di un’auto elettrica.

2018-04-23T18:20:53+00:00 News|