Magazine Qualità

Magazine Qualità

Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità - Condividiamo la Qualità e l'Eccellenza - Dati e Notizie dal Mondo della Qualità -

Magazine Qualità

Sono 13 i progetti di norma sottoposti a inchiesta pubblica preliminare per due settimane, dal 15 al 29 giugno

Gli argomenti trattati riguardano: metalli preziosi, conservazione dei documenti, progetti di traduzione, data base lessicali, salute, prevenzione della corruzione, gestione per la compliance, tecnologie informatiche, gas e sistemi di gestione.

UNI Inchiesta pubblica su Magazine Qualità

Questi i temi al centro dei lavori delle commissioni tecniche.

Iniziamo con la commissione UNI/CT 010 – Commercio e il progetto UNI1614171 che specifica un metodo volumetrico per la determinazione dell’argento in un materiale considerato omogeneo.

Questo metodo è destinato ad essere utilizzato come metodo di riferimento per la determinazione del titolo nelle leghe trattate nella UNI EN ISO 9202. Nasce dalla necessità di efficienza e precisione garantendo l’accuratezza delle misurazioni nel settore della gioielleria e dei metalli preziosi.

Adotta la ISO 13756:2024.

Passiamo alla commissione UNI/CT 014 – Documentazione e informazione che volge la sua attenzione a quattro progetti.

Eccoli qui di seguito.

Il primo, UNI1614172, specifica i requisiti per scatole e cartelle, fabbricate con materiali a base di cellulosa, da utilizzarsi per la conservazione a lungo termine di documenti su carta o pergamena. Si applica alle scatole in cartone liscio o ondulato e alle cartelle (faldoni) in carta o cartone. È anche applicabile ad altri tipi di contenitore per la conservazione a lungo termine, come custodie, astucci, tubi e buste in materiali a base di cellulosa.

Sostituisce la UNI ISO 16245:2011.

Il secondo, UNI1614173, stabilisce le linee guida per lo scambio d’informazioni tra istituzioni che gestiscono beni culturali, quali musei, biblioteche e archivi. Lo scopo è lo scambio e l’integrazione di documentazione scientifica eterogenea relativa alle collezioni di tali istituzioni.

Sostituisce la UNI ISO 21127:2015.

Il terzo, UNI1614134, presenta linee guida generali per tutte le fasi di un progetto di traduzione. Il suo scopo principale è garantire efficienza e qualità migliorando la comunicazione tra le parti coinvolte nel progetto di traduzione. Fornisce inoltre un quadro per lo sviluppo delle specifiche dei progetti di traduzione, quale base per richiedere, creare, gestire e valutare i progetti di traduzione. È applicabile a tutti i settori, inclusi quelli commerciali e governativi, e alle organizzazioni non profit.

Adotta la ISO 11669:2024.

Il quarto, UNI1614135, specifica il modulo di sintassi e semantica (SynSem) del framework di markup lessicale (LMF), un metamodello per rappresentare i dati nei database lessicali monolingue e multilingue utilizzati con le applicazioni informatiche. Il modulo SynSem permette di descrivere le proprietà sintattiche e semantiche specifiche dei lessemi, nonché le complesse interazioni tra di essi.

Adotta la ISO 24613-6:2024.

Procediamo con la commissione UNI/CT 042 – Sicurezza e il progetto UNI1614082.

Il documento fornisce linee guida per le organizzazioni su come prevenire o controllare l’esposizione agli agenti infettivi sul posto di lavoro e gestire i rischi associati alle malattie infettive che presentino un rischio di gravi malattie o decessi e possono avere un impatto sulla salute, la sicurezza e il benessere dei lavoratori e di altre parti interessate; e presentino un rischio inferiore per la salute ma hanno un impatto significativo sull’organizzazione, sui suoi lavoratori e su altre parti interessate. È applicabile alle organizzazioni di tutte le dimensioni e settori.

Adotta la ISO 45006:2023.

È la volta della commissione UNI/CT 044 – Salute – Tecnologie biomediche e diagnostiche e del progetto UNI1614107 che definisce un processo per identificare, valutare, controllare e monitorare i rischi associati a materiali biologici pericolosi.

Adotta la ISO 35001:2019/Amd 1:2024.

E ancora la commissione UNI/CT 016 – Gestione per la qualità e metodi statistici propone due progetti.

Vediamoli in dettaglio.

Il primo, UNI1614114, specifica requisiti e fornisce una guida per stabilire, mettere in atto, mantenere, aggiornare e migliorare un sistema di gestione per la prevenzione della corruzione. Il sistema può essere a sé stante o integrato in un sistema di gestione complessivo.

Adotta la ISO 37001:2016/Amd 1:2024.

Il secondo, UNI1614115, specifica i requisiti e fornisce linee guida per istituire, sviluppare, attuare, valutare, mantenere e migliorare un efficace sistema di gestione per la compliance all’interno di un’organizzazione. È applicabile a tutti i tipi di organizzazione indipendentemente da tipo, dimensione e natura delle relative attività, così come dal fatto che l’organizzazione stessa appartenga al settore pubblico, privato o al settore no-profit. Tutti i requisiti specificati nel documento, che fanno riferimento all’organismo di governo, si applicano all’alta direzione nei casi in cui l’organizzazione non disponga del suddetto organismo come funzione (organizzativa) separata.

Adotta la ISO 37301:2021/Amd 1:2024.

Continuiamo con l’ente federato UNI/CT 500 – Organo Tecnico UNINFO – Tecnologie Informatiche e loro applicazioni e il CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano (quale coautore) che pongono attenzione al progetto UNI1614122.

Questo documento specifica i requisiti che un’organizzazione deve soddisfare per definire, implementare, mantenere e migliorare continuamente un sistema di gestione dei servizi (SMS). I requisiti specificati nella norma comprendono la pianificazione, la progettazione, la migrazione, l’erogazione e il miglioramento dei servizi per soddisfare i requisiti del servizio e fornire un valore aggiunto. Nasce dalla necessità di agevolare le organizzazioni nel tener conto degli effetti dei cambiamenti climatici già nella definizione del campo di applicazione dei loro sistemi di gestione, qualunque sia la disciplina che tali sistemi intercettano (qualità, ambiente, sicurezza, ecc.).

Passiamo all’ente federato UNI/CT 100 – CIG – Comitato Italiano Gas che volge il suo interesse a due progetti.

Vediamoli in dettaglio.

Il primo, UNI1614131, definisce le prescrizioni relative alla verifica del corretto funzionamento metrologico dei contatori elettronici il cui principio di misura è di tipo massico Coriolis, che consentono la misura dei volumi di gas e, in alcuni modelli, la conversione dei volumi di gas alle condizioni termodinamiche di riferimento e la registrazione di dati di misura.

Il secondo, UNI1614148, tratta i sistemi di misura – SdM – del gas e in particolare degli apparati di misurazione del gas su base oraria direttamente allacciati alla rete di trasporto. Si applica quindi agli SdM al servizio dei Punti di consegna e riconsegna allacciati alla rete di trasporto ed ai punti di misura degli impianti di produzione e/o distribuzione di biometano e/o ad altre applicazioni compatibili.

Sostituisce la UNI 11629:2021.

Concludiamo con la commissione UNI/CT 038 – Responsabilità sociale delle organizzazioni e il progetto UNI1614163 che determina i requisiti e fornisce linee guida per stabilire, attuare, mantenere, riesaminare e migliorare un sistema efficace di gestione per la gestione della conoscenza nelle organizzazioni. Tutti i requisiti di questo documento sono applicabili a qualsiasi organizzazione, indipendentemente dal tipo o dalla dimensione, o dai prodotti e servizi forniti.

Sostituisce la UNI ISO 30401:2019.

Data di scadenza dell’inchiesta pubblica preliminare: 29 giugno 2024

L’inchiesta pubblica preliminare è un passaggio fondamentale del processo normativo perché aiuta a capire se:

  • il mercato ha bisogno di queste norme
  • ci sono altri bisogni da soddisfare
  • ti interessa partecipare

Lo sviluppo di uno standard deve avere luogo solo di fronte a un reale beneficio

Per questo il tuo parere è importante: aspettiamo i tuoi commenti

(>> vai alla banca dati)

Scopri come partecipare alle attività di normazione

(>> vai alla sezione Associazione)

Comunicazione a cura di UNI – Ente Italiano di Normazione

logo uni 2022 su magazine qualità
2024-06-15T09:57:54+01:00Giugno 15th, 2024|UNI - Ente Italiano di Normazione|
Torna in cima